“Alice nella citta. Per L’Aquila”

Alice in una versione inedita, tra realtà e fantasia, dell’editore Paolo Leone della Casa Editrice Arkhé. Un lavoro di un gruppo di giovani per non arrendersi e lottare contro la forza oscura e devastatrice della terra che la notte del 6 aprile scorso in trentadue secondi ha trafitto l’anima degli aquilani distruggendo così sogni, speranze […]

AliceAlice in una versione inedita, tra realtà e fantasia, dell’editore Paolo Leone della Casa Editrice Arkhé. Un lavoro di un gruppo di giovani per non arrendersi e lottare contro la forza oscura e devastatrice della terra che la notte del 6 aprile scorso in trentadue secondi ha trafitto l’anima degli aquilani distruggendo così sogni, speranze e vite. Attraverso la lettura di questa raccolta di racconti e poesie, che partendo da L’Aquila rimanda ad altri scenari italiani, il lettore si estranea da un’atmosfera triste e lacerante e Alice lo rende turista “principe” di alcuni luoghi tra i più incantevoli della Penisola Italiana. Sfogliando le pagine di questo libro pare di sentire il profumo di terre lontane, sembra quasi di poter calpestare ancora i selciati dell’“amata” L’Aquila, di vedere nitide e intatte le facciate delle chiese, delle case, delle scuole come se niente fosse mai stato toccato. Talvolta, invece, traspare dal sottofondo un invito degli autori a riflettere su quegli attimi della notte del 6 aprile, destinati a tramutarsi in mesi, per far rendere conto alle persone che il rancore o la sete di vanagloria in questa vita non servono a niente. “Alice nella città” trae il nome dall’omonimo film di Wim Wenders ed è una pubblicazione che non tratta esclusivamente del terremoto, ma è un progetto di scrittura solidale il cui ricavato sarà in parte destinato alla ricostruzione di Isolamica, la biblioteca collocata all’interno della Scuola Elementare Mariele Ventre, interamente inagibile, da subito destinata alla demolizione. Era un’oasi felice resa ancor più bella dall’entusiasmo dei bambini, delle maestre e delle operatrici scolastiche. Uno spazio aperto agli abitanti del Quartiere di Pettino che non potevano non fermarsi un attimo in quest’ambiente colorato e affascinante. La biblioteca è la “Culla della Civiltà” da cui ripartire per ricostruire l’identità collettiva e l’acquisto di questo volume rappresenterebbe un piccolo tassello per ridare a noi tutti un angolo magico del Capoluogo. Potete trovare “Alice nella città. Per L’Aquila.”presso le librerie e le edicole abruzzesi o on line (www.easylibro.it) al prezzo di € 12,00; di questi €4,00 sono volti all’acquisto di volumi per la riapertura della biblioteca Isolamica del Circolo Didattico Amiternum. Un elogio spetta all’Arkhé S.a.s., agenzia grafica aquilana, specializzata nella progettazione di packaging farmaceutico, nella grafica pubblicitaria e nelle realizzazioni editoriali “On Demand”. Entrando nella piccola casa editrice si assapora un’atmosfera di allegria e la dedizione al lavoro dell’Editore e delle sue collaboratrici è da modello. Grazie al loro contributo e a quello dei commercianti aquilani che non hanno mai perso la speranza e l’amore per il proprio lavoro L’Aquila tornerà a volare.

Francesca Ranieri