Niente tagli alla Casta, per farlo serve piu’ tempo

Gli stipendi dei nostri parlamentari per ora continuano a restare invariati. Per la Commissione guidata dal presidente Istat Enrico Giovannini, tagliare gli stipendi alla casta è troppo difficile, e per farlo in modo serio serve tempo: più tempo di quello concesso alla Commissione Giovannini. I nostri deputati e senatori guadagnano più dei colleghi europei in […]

Gli stipendi dei nostri parlamentari per ora continuano a restare invariati. Per la Commissione guidata dal presidente Istat Enrico Giovannini, tagliare gli stipendi alla casta è troppo difficile, e per farlo in modo serio serve tempo: più tempo di quello concesso alla Commissione Giovannini.

I nostri deputati e senatori guadagnano più dei colleghi europei in termini di stipendio però costano di meno in termini di assistenti (i cosiddetti portaborse) e spese aggiuntive. Lo comunica il rapporto pubblicato sul sito della Funzione pubblica e analizzato oggi da vari quotidiani.
I parlamentari italiani prendono oltre 16mila euro al mese, ben più di francesi (13.500), spagnoli (4.630), ma anche tedeschi (12.600), olandesi (10.000), austriaci (8.650). Siamo intorno al 60% in più rispetto alla media: da un minimo del 20 a un massimo del 400% in più.
Per la Commissione, i dati raccolti sono “del tutto provvisori e di qualità insufficiente per una utilizzazione ai fini indicati dalla legge”. Quindi “Nonostante l’impegno profuso e tenendo conto dell’estrema delicatezza del compito ad essa affidato, nonchè delle attese dell’opinione pubblica sui suoi risultati, la Commissione non è in condizione di effettuare il calcolo di nessuna delle medie di riferimento con l’accuratezza richiesta dalla normativa”.