Il sindaco dell’Aquila su schede parametriche

“Registriamo con notevole soddisfazione che, a due giorni dalla scadenza fissata per la presentazione delle schede parametriche all’Ufficio speciale per la Ricostruzione del Comune dell’Aquila, sono pervenute pressoché tutte quelle, relative al centro storico dell’Aquila e delle frazioni, previste come in “partenza” nel 2013 e 2014 nel cronoprogramma approvato dal Consiglio comunale”. È quanto ha […]

Il ministro Massimo Bray a L'Aquila“Registriamo con notevole soddisfazione che, a due giorni dalla scadenza fissata per la presentazione delle schede parametriche all’Ufficio speciale per la Ricostruzione del Comune dell’Aquila, sono pervenute pressoché tutte quelle, relative al centro storico dell’Aquila e delle frazioni, previste come in “partenza” nel 2013 e 2014 nel cronoprogramma approvato dal Consiglio comunale”. È quanto ha dichiarato il sindaco dell’Aquila Massimo Cialente.
“Sono altresì pervenute moltissime schede parametriche delle frazioni nell’ambito del cosiddetto secondo turno.- ha proseguito Cialente – Dopo un incontro con i presidenti degli ordini professionali, il coordinatore dell’Usra Paolo Aielli e l’assessore alla Ricostruzione Pietro di Stefano, abbiamo convenuto di ribadire l’assoluta improrogabilità del rispetto della data del 5 aprile per la presentazione delle schede parametriche per tutto il centro storico e per le frazioni in partenza (prima fase). Schede parametriche eventualmente presentate in ritardo saranno accolte solo se accompagnate da una relazione che dimostri inoppugnabili cause di forza maggiore, tali da impedire la compilazione della stessa entro i termini di scadenza. Per quanto riguarda le schede parametriche relative alle altre frazioni, ossia quelle della cosiddetta “seconda fase”, – ha concluso il sindaco – di seguito elencate, il temine di presentazione, assolutamente improrogabile, è fissato per il 31 ottobre 2014. Questo perché il Comune dell’Aquila, a quella data, dovrà essere in condizioni di presentare al Governo, in fase di redazione della legge di stabilità, il calcolo esatto delle previsioi di spesa complessive per la ricostruzione privata del Comune dell’Aquila”.
Queste le frazioni, ricomprese nella seconda fase, per cui è prevista la protoga al 31 ottobre 2014: Assergi, Collefracido, Coppito, Monticchio, Sassa, Bagno Piccolo, Colle di Preturo, Pescomaggiore, Pettino, Pianola, San Benedetto di Bagno, Sant’Elia, Brecciasecca, Casaline, Cese di Preturo, Collebrincioni, Poggio Santa Maria, Pozza di Preturo, Preturo, San Vittorino, Santi di Preturo, Vallesindole, Cansatessa, Colle di Sassa, Collemare, Foce di Sassa, Fonte Cerreto, Genzano, Menzano, Pagliare di Sassa, San Marco di Preturo, San Pietro della Jenca.