Il gesto di Dani Alves ha raccolto la solidarietà di giocatori in tutto il mondo

Ieri, nel corso della partita del campionato spagnolo Villareal-Barcellona, il difensore del Barcellona Dani Alves ha raccolto una banana lanciatagli dagli spalti e l’ha mangiata. Poi ha ripreso a giocare. Una reazione che ha suscitato stupore e apprezzamento. Subito tramutatisi in solidarietà da parte di tantissime, persone, non solo sportivi. Il video infatti ha fatto […]

Dani AlvesIeri, nel corso della partita del campionato spagnolo Villareal-Barcellona, il difensore del Barcellona Dani Alves ha raccolto una banana lanciatagli dagli spalti e l’ha mangiata. Poi ha ripreso a giocare. Una reazione che ha suscitato stupore e apprezzamento. Subito tramutatisi in solidarietà da parte di tantissime, persone, non solo sportivi. Il video infatti ha fatto il giro del mondo, riportando in primissimo piano la battaglia al razzismo. A partire dagli stadi.
Dani Alves, infatti, è stato spesso oggetto di insulti razzisti da parte dei tifosi avversari nel corso della sua militanza nel campionato spagnolo, militanza che dura ormai da 11 anni.
”Penso che bisogna ridere di questi ritardati mentali – ha affermato il giocatore -. Non so chi abbia tirato in campo la banana, ma devo ringraziarlo. Mi ha dato l’energia per fare i due cross che hanno fruttato altrettante reti”.
E sono in tanti, in queste ore, a manifestare solidarietà al giocatore. Lo fanno con un “selfie” in cui si immortalano mentre mangiano una banana. E’ l’hashtag che impazza che su twitter #Siamotuttiscimmie (#weareallmonkeys). Ha iniziato il compagno di squadra di Dani Alves, Neymar, che scrive “anche io mangio le banane”.
Anche in Brasile ha avuto grandissima eco il gesto del giocatore sudamericano. Il sito Globoesporte ha scritto un vero e proprio manifesto: “Siamo tutti Dani Alves”. Nell’articolo, poi, si legge: “In Brasile nessuno è bianco. L’intolleranza ci danneggia più della corruzione”.
E In Italia? La valanga è partita. E uno dei primi calciatori a twittare la foto con la banana in mano è il giocatore belga del Napoli, Dries Mertens.
Non solo. E anche la Gazzetta dello Sport, il quotidiano sportivo più diffuso in Italia, ribadisce il suo “no” al razzismo e invita i lettori a far sentire la propria voce sul profilo Facebook e Twitetr del giornale, attraverso l’hashtag #ancheiomangiolabanana.