Olimpiadi 2024: ufficializzate le quattro avversarie di Roma

Ora è ufficiale: sono Los Angeles, Parigi, Budapest e Amburgo le citta’ che Roma dovra’ battere per poter organizzare le Olimpiadi 2024. Il Comitato Olimpico Internazionale (Cio), che scegliera’ la citta’ vincente in Peru’ nel 2017, ha annunciato la lista finale al termine della ‘deadline’, a mezzanotte, per la presentazione delle candidature. La tanto temuta concorrente […]

Ora è ufficiale: sono Los Angeles, Parigi, Budapest e Amburgo le citta’ che Roma dovra’ battere per poter organizzare le Olimpiadi 2024. Il Comitato Olimpico Internazionale (Cio), che scegliera’ la citta’ vincente in Peru’ nel 2017, ha annunciato la lista finale al termine della ‘deadline’, a mezzanotte, per la presentazione delle candidature. La tanto temuta concorrente “last minute” non è arrivata e quindi la sfida sarà tra quattro città europee ed una sola nordamericana.

Dopo la campagna deludente per i Giochi invernali del 2022, dove sono rimaste solo due candidature, dopo che quattro ctta’ si sono ritirate a causa degli enormi costi e il mancato sostegno pubblico, il Cio punta a ripristinare un’immagine della kermesse come di un’opportunita’ di rilancio economico. Roma, che ha gia’ ospitato i Giochi nel 1960, aveva gia’ ipotizzato una candidatura per i Giochi 2020, ma si era ritirata per le preoccupazioni del governo sui costi finanziari. Ci riprova ora e dovra’ vedersela con Los Angeles, rimasta in lizza dopo il ritiro dell’altra citta’ statunitense, Boston, e che spera di organizzare i Giochi per la terza volta dopo il 1932 e il 1984. Parigi, a cui e’ sfuggito il tentativo di organizzare le Olimpiadi del 2012, potrebbe festeggiare il ‘centenario’, dopo i Giochi organizzati per la prima e ultima volta nel 1924. Amburgo, che non ha mai ospitato i Giochi e ha battuto Berlino come scelta nazionale, puntera’ a una soluzione organizzativa tutta all’interno della citta’, in cui gli atleti potranno muoversi a piedi per raggiungere i vari luoghi della competizione (ad Amburgo comunque a novembre si terra’ un referendum per tastare l’effettiva disponibilita’ dei cittadini). In corsa c’e’ infine Budapest, che punta a unirsi alla Russia come unico Paese dell’est europeo ad aver mai organizzato i Giochi Olimpici estivi. A queste città si sarebbe dovuta aggiungere Toronto, ma ieri è arrivata la notizia della rinuncia e di un possibile tentativo per i Giochi del 2028.