Le arti aiutano a contrastare l’ossessione di ricerca del piacere. Ecco cosa accade nel nostro cervello?

Le arti in generale e le attività come la pittura e la danza possono aiutare ad affrontare l’ossessione di ricerca del piacere tipica della nostra società e portare a scelte di comportamenti migliori e più sani, secondo una nuova ricerca della City University of London. Il documento, pubblicato negli Atti della Royal Society B, suggerisce […]

Le arti in generale e le attività come la pittura e la danza possono aiutare ad affrontare l’ossessione di ricerca del piacere tipica della nostra società e portare a scelte di comportamenti migliori e più sani, secondo una nuova ricerca della City University of London.

Il documento, pubblicato negli Atti della Royal Society B, suggerisce che, mentre le arti sono spesso considerate poco “utili”, le recenti evidenze mostrano che possono stimolare ampie reti neurali, contrastando gli effetti dannosi delle attività che, sole danno una “scarica di piacere”.

La professoressa Julia F. Christensen, dell’Unità di ricerca cognitiva di neuroscienza presso il dipartimento di Psicologia alla City University of London, che è autrice del paper, ha dichiarato:

“La società attuale vede le persone alla costante ricerca del piacere. Ci aspettiamo di ottenere esperienze piacevoli in modo rapido e semplice. Siamo abituati a gustare cibi e bevande eccezionali, possiamo ottenere pornografia, giochi e gadget quando vogliamo. Il problema è che con questo tipo di comportamento di massimizzazione del piacere possiamo essere trasformati in junkies “senza il piacere del piacere”, consegnando la nostra libera volontà al prossimo tiro di dopamina”.

Ricerche sempre più approfondite dimostrano che, l’eccesso di tali attività “solo di piacere” potrebbe avere effetti negativi sulla nostra salute, in quanto esse provocano un cambiamento nei meccanismi neurali sottostanti le scelte che facciamo nella nostra vita. L’evidenza dimostra che le tossicodipendenze e le abitudini comportamentali dipendono dalle stesse reti neurali, per cui le attività “esclusivamente di piacere” ci fanno diventare dei “junkies del piacere”.

In questo modo, molti dei “piaceri facili” di oggi hanno il potenziale per creare dipendenze comportamentali. Le attività che potrebbero causare dipendenze comportamentali includono l’utilizzo di applicazioni di social media per smartphone (siamo incollati all’icona della notifica e “ho ricevuto un altro simile?”), il gioco d’azzardo (“vincerò sicuramente il prossimo gioco”), lo sport, la pornografia, i cibi ricercatissimi, il gioco e Internet.

Questo può portare a un comportamento di scelta che biasima gli obiettivi a medio -lungo termine, per massimizzare il piacere immediato. Il piacere di trovare “qui e ora” è una caratteristica comune del “cervello addicted”. Il nostro processo decisionale si allontana dalla prosperità a lungo termine e dal benessere generale, massimizzando gli obiettivi, controllati da diversi sistemi di cervello.

Nel cervello sano due sistemi di base interagiscono in relazione alla ricompensa e al processo decisionale. Il sistema A si prefigge di massimizzare la ricompensa immediata, mentre il sistema I riguarda la massimizzazione della ricompensa e della prosperità futura. Il sistema A vuole piacere immediatamente, mentre il sistema I coinvolge stimoli a precedenti esperienze e valori per favorire scelte ottimali, “tutte le informazioni considerate”. Ciò può includere una riduzione del sistema A, per rinviare la soddisfazione immediata per consentire una ricompensa a lungo termine.

Le arti concentrano la nostra mente in uno stato coerente che attiva simultaneamente i sistemi A e I. In questo modo esse possono rafforzare i legami tra i sistemi A e I, che vanno attraverso una struttura neurale chiamata insula. Forti collegamenti aiutano a mantenere i sistemi corporei salutari massimizzando le nostre scelte in modo da garantire una prosperità a lungo termine. Le prove suggeriscono anche che l’impegno con le Arti potrebbe ridurre in primo luogo la probabilità di sviluppare dipendenze comportamentali.

Di conseguenza, sperimentiamo attività come la pittura o il ballo sia come piacevoli che gratificanti (attraverso il sistema A), ma anche come significativi perché impegnano i nostri ricordi personali e l’esperienza di vita e la nostra consapevolezza di noi stessi (sistema I). L’esperienza non è quindi solo divertente, ma effettivamente buona per la nostra vita in generale.

La professoressa Christensen ha dichiarato:

“Ci sono più ricerche da condurre, ma quello che abbiamo visto è che c’è un lavoro promettente che mostra i vantaggi delle arti quando si tratta di contrastare i comportamenti pervasivi di piacere attualmente presenti nella società, molti dei quali possono avere impatti negativi sulle nostre vite. La raccomandazione migliore è pianificare i periodi senza le attività che possono provocare dipendenze comportamentali. Il nostro cervello non ci aiuterà a resistere alla tentazione del momento, quindi è meglio prevedere in anticipo. Inoltre, coinvolgendoci di più nelle Arti, possiamo contrastare potenzialmente alcuni degli effetti negativi e impegnare il nostro cervello in modo più ampio per vivere una vita veramente soddisfacente e significativa “.