Attentato a New York, otto morti. Il Papa: “Follia omicida”

A New York, nel quartiere Tribeca, un uomo di 29 anni ha lanciato sulla pista ciclabile un furgone e ha ucciso otto persone. Sayfullo Habibullaevic Saipov, questo il nome del terrorista, è stato fermato dalla Polizia. Sarebbe arrivato negli Stati Uniti nel 2010 e possedeva la Green Card, il permesso di residenza permanente negli Stati Uniti. […]

A New York, nel quartiere Tribeca, un uomo di 29 anni ha lanciato sulla pista ciclabile un furgone e ha ucciso otto persone.

Sayfullo Habibullaevic Saipov, questo il nome del terrorista, è stato fermato dalla Polizia. Sarebbe arrivato negli Stati Uniti nel 2010 e possedeva la Green Card, il permesso di residenza permanente negli Stati Uniti.

Una dozzina i feriti nell’attacco, che ha avuto luogo ieri nel primo pomeriggio (in Italia era sera).

Oggi anche Papa Francesco rivolge un pensiero alle vittime della strage.

“Sono addolorato per gli attacchi terroristisci di questi ultimi giorni in Somalia, Afghanistan e ieri a New York. Nel deplorare tali atti di violenza prego per i defunti, i feriti e i loro familiari. Chiediamo al signore che converta i cuori dei terroristi, che liberi il mondo dall’odio e dalla follia omicida che abusa del nome di Dio per disseminare morte”, ha detto Francesco parlando in piazza San Pietro al termine dell’Angelus.