‘La Mela di AISM’ torna in 5mila piazze italiane

‘La Mela di AISM’ torna in 5mila piazze italiane per la lotta alla sclerosi multipla. Da giovedi’ scorso – giornata del Dono Day – a domani, domenica 7 ottobre, 13 mila volontari di AISM distribuiranno oltre 4 milioni di mele a fronte di una donazione minima di 9 euro, con cui si potra’ portare a […]

‘La Mela di AISM’ torna in 5mila piazze italiane per la lotta alla sclerosi multipla. Da giovedi’ scorso – giornata del Dono Day – a domani, domenica 7 ottobre, 13 mila volontari di AISM distribuiranno oltre 4 milioni di mele a fronte di una donazione minima di 9 euro, con cui si potra’ portare a casa un sacchetto da 1,8 kg di gustose mele rosse, verdi e gialle. ‘Facciamo sparire la sclerosi multipla, insieme, con la mela di Aism’ e’ il nuovo claim della campagna, che cade all’inteno delle celebrazioni del 50mo anniversario di AISM, sotto l’Alto Patronato della Presidenza della Repubblica. ‘La Mela di AISM’ e’ anche al Villaggio Coldiretti al circo Massimo, a Roma, dove isieme a uno show cooking e’ stata annunciata la partnership con Terra Nostra, il settore agriturismo di Coldiretti. ‘#MELAcucino: la salute ai fornelli’ e’ lo show cooking promosso da AISM e Terranostra al pergolato Coldiretti, all’interno del Villaggio del Circo Massimo a Roma. Qui, nella piu’ grande fattoria a cielo aperto mai vista prima nella Capitale, AISM ha uno spazio fatto di ricette, esperienze e progetti per una vita sana per tutti. Hanno animato l’incontro Mario Alberto Battaglia, presidente di FISM, l’Agrichef Diego Scaramuzza, presidente Nazionale Terranostra, Roberto Orsi, direttore Osservatorio Socialis, intrattenendo il pubblico parlando di ‘salute e fornelli’ assieme a tanti testimonial a sorpresa. Nella tre giorni di Coldiretti, fino a domani, al punto AISM all’interno dello stand di Terranostra del Villaggio, i volontari distribuiranno le mele e daranno informazioni sulla malattia.

‘La cura definitiva, quella che fara’ scomparire completamente la sclerosi multipla, non c’e’, arrivera’ solo quando si saranno capiti tutti i fattori che la scatenano. Per questo e’ importante sostenere la ricerca scientifica sulla sclerosi multipla, insieme”, segnala AISM. La Mela di AISM e’ inserita all’interno della campagna di azione #SMuoviti con cui AISM chiede a tutti di collaborare per agire concretamente a costruire un futuro migliore per le persone con SM. “Questo evento nelle piazze e’ una occasione per fare qualcosa di concreto e dare ai giovani, i piu’ colpiti da SM, una miglior qualita’ di vita e un futuro senza SM, in famiglia, tra gli amici e, fondametale, nel mondo del lavoro”, dichiara Angela Martino, presidente nazionale di AISM. Alla manifestazione in piazza e’ legato anche il numero solidale 45512 del valore di 2 euro per ciascun SMS inviato da cellulari Wind Tre, TIM, Vodafone, PosteMobile, CoopVoce e Tiscali. 5 euro per ciascuna chiamata fatta allo stesso numero da rete fissa TWT, Convergenze e PosteMobile. Sara’ di 5 o 10 euro per ciascuna chiamata fatta sempre allo stesso numero 45512 da rete fissa TIM, Wind Tre, Fastweb, Vodafone e Tiscali. I fondi raccolti andranno a sostenere importanti progetti di ricerca sulla sclerosi multipla progressiva, la forma piu’ grave di SM, ancora orfana di terapie efficaci.

C’e’ poi ‘#MELAgioco verso la Grande Mela’: dalle piazze delle citta’ e’ possibile vincere un viaggio per due persone a New York per visitare un Centro di ricerca per la sclerosi multipla al Mount Sinai hospital di NY partecipando a #MELAgioco, abbinato a ‘La Mela di AISM’. Qualsiasi donatore (chi va in piazza, chi dona con numero solidale o on line…) potra’ partecipare iscrivendosi a melagioco.aism.it. Tutti coloro che si saranno iscritti riceveranno inoltre un ricettario esclusivo per sperimentare tante bonta’ con le mele. Dove vanno i fondi raccolti con la Mela di AISM? Nella ricerca in importanti progetti per trovare la causa e la cura risolutiva per la sclerosi multipla e per imlementare i servizi dedicati ai giovani i piu’ colpiti dalla malattia. La sclerosi multipla e’ una grave malattia del sistema nervoso centrale, cronica, imprevedibile e spesso invalidante, la sclerosi multipla si manifesta per lo piu’ con disturbi del movimento, della vista e dell’equilibrio, seguendo un decorso diverso da persona a persona. In Italia, ogni anno 3.400 persone vengono colpite dalla sclerosi multipla. Una nuova diagnosi ogni 3 ore. Delle 118 mila persone con SM, il 10% sono bambini e il 50% sono giovani sotto i 40 anni. E’ la seconda causa di disabilita’ nei giovani dopo gli incidenti stradali. L’Italia e’ il paese a rischio medio-alto di sclerosi multipla, con pesanti costi per il SSN: e’ di oltre 5 miliardi di euro l’anno il costo sociale della malattia. E’ una emergenza sanitaria e sociale.

Negli ultimi anni la ricerca sulla SM ha fatto molti progressi importanti. Esistono terapie in grado di rallentare la progressione della malattia e di migliorare la qualita’ di vita delle persone. Ma molto c’e’ ancora da fare come comprendere gli aspetti nascosti della SM, cercare nuove terapie, chiarire quali sono e come agiscono gli aspetti genetici, i fattori ambientali, quali molecole del nostro corpo sono coinvolte nei processi infiammatori della SM. E’ anche grazie a questa manifestazione, che AISM con la sua Fondazione (FISM), negli ultimi 10 anni, ha potuto investire oltre 65 milioni di euro, per importanti attivita’ di ricerca sulla SM. AISM organizza e offre progetti per i giovani e le donne con SM quali sportelli informativi e di orientamento, incontri di auto-aiuto in grado di rispondere a quesiti e problemi che si presentano nella loro quotidianita’ sanitaria, sociale e lavorativa; convegni sul territorio garantiscono alle persone un costante dialogo con ricercatori. E non e’ tutto, per i giovani con SM, AISM mette a disposizione un blog (www.giovanioltrelasm.it). Qui tutti possono “raccontarsi”, riconoscersi e “sentirsi a casa”. Lo Chef Alessandro Borghese e’ testimonial consolidato di ‘La Mela di AISM’. Insieme a lui, tanti i personaggi hanno deciso di aderire alla campagna e hanno scelto di lanciare l’appello ‘#MelaGioco, e tu?’.