Diritti: 378 guerre nel mondo, spesa record per le armi

Le guerre nel mondo sono in drammatico aumento: 378 i conflitti totali nel 2017, di cui 186 crisi violente e 20 guerre ad alta intensita’. Lo scorso anno si e’ registrato anche il record di spesa per gli armamenti dalla Seconda guerra mondiale. A lanciare l’allarme e’ il sesto rapporto annuale sui conflitti dimenticati ‘Il […]

Le guerre nel mondo sono in drammatico aumento: 378 i conflitti totali nel 2017, di cui 186 crisi violente e 20 guerre ad alta intensita’. Lo scorso anno si e’ registrato anche il record di spesa per gli armamenti dalla Seconda guerra mondiale. A lanciare l’allarme e’ il sesto rapporto annuale sui conflitti dimenticati ‘Il peso delle armi’, presentato a Roma da Caritas italiana, e realizzato in collaborazione con il Miur. Ventisette gli autori coinvolti, assieme a sette enti di ricerca e organizzazioni, 45 scuole medie inferiori, e 25 gruppi Scout Agescu. La presentazione coincide con il 70esimo anniversario della Dichiarazione universale dei diritti dell’uomo, “il cui rispetto e’ la premessa fondamentale per lo sviluppo e la pace”, come sottolinea don Francesco Soddu, direttore di Caritas Italiana, introducendo lo studio. L’analisi conferma che sono in aumento produzione e vendita di tutti i tipi di arma, dalle leggere all’atomica. Un fenomeno che, secondo gli esperti, dipende dal fatto che gli Stati sono ormai convinti che, per vincere le guerre, servano arsenali sempre piu’ ricchi e potenti. Allarmante il fatto che tra i sei Paesi massimi esportatori, cinque siano i membri permanenti del Consiglio di sicurezza Onu. Una contraddizione, come evidenzia Paolo Beccegato, vicedirettore Caritas italiana, dal momento che “il Consiglio fu concepito per farsi protettore della pace e dei diritti umani fondamentali nel mondo”.

In testa, gli Stati Uniti col 34,0%, seguiti da Russia (22,0%), Francia (6,7%), Germania (5,8%), Cina (5,7%) e Regno Unito (4,8%). Poi Israele e Spagna con entrambi il 2,9%, quindi l’Italia col 2,5%. Tra i principali importatori invece Arabia Saudita, Emirati Arabi, Australia, Iraq e Pakistan. Paesi che contribuiscono ad alimentare i conflitti in Yemen, Nord Africa e Medio Oriente. Il report conferma poi con forza un binomio gia’ noto agli studiosi: la poverta’ e’ piu’ diffusa nei Paesi in cui si combatte, cosi’ come viceversa, laddove sono piu’ drammatici recessione, diseguaglianze e scarso accesso a fonti di reddito risulta altamente piu’ probabile scivolare nei conflitti. Per contrastare la poverta’, osserva ancora Beccegato, diventa allora “fondamentale ragionare sulle dinamiche alla base della guerra e incoraggiare buone politiche, oltre che fornire aiuti”. Infine, il report si concentra sull’impatto dei cambiamenti climatici su guerre e migrazioni – l’Onu stima in 250 milioni i migranti e in oltre 70 milioni i rifugiati e gli sfollati. Tutti gli indicatori del rapporto Caritas su scala globale legati al degrado ambientale, ai disastri e alla scarsita’ di accesso alle fonti naturali contribuiscono a spiegare altre dinamiche di guerra, e in particolare in aree come il Sahel, il Golfo del Bengala e parte dell’America Latina. Infine, lo studio si conclude con delle proposte che di fatto rilanciano l’applicazione dell’Agenda di sviluppo Onu 2015-2030, che, conclude Beccegato, “oggi piu’ che mai servirebbe per creare un mondo diverso”.