Segnale tv Rai: incontro Co.Re.Com Abruzzo

Si è svolto questa mattina, nel Palazzo dell’Emiciclo all’Aquila, un incontro tra il Presidente del Co.Re.Com Abruzzo Filippo Lucci, i rappresentanti del Ministero dello Sviluppo Economico, dell’Ispettorato territoriale Lazio-Abruzzo del Ministero dello Sviluppo Economico e alcuni amministratori locali, per discutere delle difficoltà nella ricezione del segnale televisivo Rai registrate in oltre 40 Comuni abruzzesi. Il […]

Si è svolto questa mattina, nel Palazzo dell’Emiciclo all’Aquila, un incontro tra il Presidente del Co.Re.Com Abruzzo Filippo Lucci, i rappresentanti del Ministero dello Sviluppo Economico, dell’Ispettorato territoriale Lazio-Abruzzo del Ministero dello Sviluppo Economico e alcuni amministratori locali, per discutere delle difficoltà nella ricezione del segnale televisivo Rai registrate in oltre 40 Comuni abruzzesi. Il Co.Re.Com Abruzzo si è fatto carico delle istanze dei sindaci e ha organizzato questo appuntamento per fare il punto della situazione e coordinare le azioni da intraprendere per risolvere le problematiche e, al tempo stesso, offrire un supporto alle amministrazioni nella comunicazione rivolta ai cittadini. Al termine dell’incontro, il Presidente Lucci ha voluto ringraziare per la presenza i rappresentanti del Mise e dell’Ispettorato territoriale, a conferma della proficua collaborazione istituzionale. “I cittadini – ha spiegato Lucci – hanno il diritto di poter accedere al servizio pubblico e per questo mi auguro che la risposta della Rai sia celere e concreta, consapevoli degli ingenti investimenti che la Tv pubblica sta affrontando in vista dello switch-off del 2020. I problemi maggiori si registrano soprattutto nelle aree montane e nei piccoli Comuni dell’entroterra proprio dove il servizio pubblico riveste un ruolo ancora più rilevante. Ed è proprio per quelle popolazioni è necessario impegnarsi maggiormente e giungere a soluzioni tangibili e soprattutto in tempi ragionevoli. Il Co.Re.Com Abruzzo vigilerà costantemente affinché gli impegni presi vengano rispettati”. “Sono sorpreso però – conclude Lucci – che non tutte le amministrazioni comunali interessate abbiano risposto all’invito per l’incontro odierno”.