Terzo settore: regime fiscale agevolato per attività di volontariato

Il Presidente del Consiglio Giuseppe Conte ha ricevuto questa mattina a Palazzo Chigi una delegazione del Forum del Terzo settore e i rappresentanti di Emergency, Caritas Italiana, Comunita’ di Sant’Egidio e Cottolengo, organizzazioni non profit che svolgono nel Paese numerose attivita’ di grande rilievo in ambito sociale. L’incontro, a cui era presente anche il Sottosegretario […]

Il Presidente del Consiglio Giuseppe Conte ha ricevuto questa mattina a Palazzo Chigi una delegazione del Forum del Terzo settore e i rappresentanti di Emergency, Caritas Italiana, Comunita’ di Sant’Egidio e Cottolengo, organizzazioni non profit che svolgono nel Paese numerose attivita’ di grande rilievo in ambito sociale. L’incontro, a cui era presente anche il Sottosegretario al Lavoro con delega al Terzo Settore Claudio Durigon, si e’ rivelato un’importante occasione di confronto diretto con la categoria, per discutere di un’agenda sociale sui principali temi del paese in cui il Terzo settore e’ ogni giorno in prima linea. Il Presidente del Consiglio ha ribadito quanto sia determinante per questo Governo il ruolo che il mondo del Terzo Settore riveste e si e’ impegnato a intervenire per ricalibrare la tassazione Ires come modificata nell’ultima Legge di Bilancio. In attesa dell’entrata in vigore della riforma del Codice del Terzo settore, il Governo, nelle prossime settimane, mettera’ in piedi un regime fiscale agevolato transitorio per le attivita’ del mondo del Terzo settore, calibrato sull’esigenza di non penalizzare enti che svolgono attivita’ non profit. Verra’ inoltre costituita in tempi brevi la cabina di regia per il Terzo Settore, in collegamento con il Registro Unico che, come assicurato nel corso dell’incontro, sara’ anch’esso istituito al piu’ presto.