Spiagge, bandiere verdi: l’Abruzzo tra le prime 5 d’Italia

Salgono a 140 i Comuni italiani insigniti della Bandiera verde 2019. Due, invece, quelli spagnoli. In Abruzzo sono due le new entry, Alba Adriatica (Teramo) e la Spiaggia dei Saraceni di Ortona (Chieti). Localita’ che si vanno ad aggiungere a Montesilvano, Giulianova, la Torre di Cerrano di Pineto, Pescara, Roseto degli Abruzzi, Silvi Marina, Tororeto […]

Salgono a 140 i Comuni italiani insigniti della Bandiera verde 2019. Due, invece, quelli spagnoli. In Abruzzo sono due le new entry, Alba Adriatica (Teramo) e la Spiaggia dei Saraceni di Ortona (Chieti). Localita’ che si vanno ad aggiungere a Montesilvano, Giulianova, la Torre di Cerrano di Pineto, Pescara, Roseto degli Abruzzi, Silvi Marina, Tororeto e Vasto marina. Dieci in tutto le Bandiere verdi abruzzesi dunque che portano la Regione nella top 5 nazionale. Ad annunciarlo questa mattina sono stati del comitato tecnico scientifico di pediatri, Italo Farnetani e Francesco Maragno, sindaco di Montesilvano, citta’ che per due anni consecutivi ha ospitato la cerimonia nazionale di consegna. Le altre new entry, a livello nazionale, sono la spiaggia pugliese Margherita di Savoia, (Barletta-Andria-Trani), Terracina (Latina) in Lazio e la spagnola Marbella. Tutte riconfermate le altre localita’. “La Bandiera Verde – ha sottolineato Maragno – rappresenta una sfida a mantenere i livelli qualitativi dell’offerta turistica elevati e al tempo stesso e’ il giusto riconoscimento per tutti coloro, amministrazione, balneatori e albergatori, che si impegnano costantemente a promuovere adeguatamente il turismo. Nell’ultimo anno Montesilvano ha incrementato le sue presenze di ben il 10% e questo e’ l’ulteriore dimostrazione del grande lavoro che viene fatto per alimentare il turismo del nostro territorio”. Il riconoscimento viene assegnato da quasi 200 pediatri, guidati da Farnetani, a quei Comuni dotati di spiaggia sabbiosa, bassi fondali che consentono ai bambini di giocare in assoluta sicurezza, attrezzature dedicate ai piu’ piccoli, spazi adeguati ed ampi tra gli ombrelloni, opportunita’ di svago e divertimento per i genitori, assistenti di spiaggia e la presenza nelle vicinanze di bar, ristoranti e locali capaci di rispondere alle varie esigenze dei bambini.

“L’Italia e’ l’unica nazionale al mondo ad essere dotata di una mappa del turismo familiare, costruita su fondamenti scientifici – ha spiegato Farnetani -. Da due anni il criterio per l’assegnazione della bandiera verde, prevede che la segnalazione avvenga da 35 pediatri. Dal 2008 a oggi, con il contributo di 2550 pediatri italiani ed europei, sono state selezionate le 142 spiagge in Italia e in Spagna adatte ai bambini. La Calabria resta anche quest’anno la prima regione a misura di bambino con 18 bandiere, seguita da Sicilia e Sardegna con le loro 16; al terzo posto, con 13 bandiere si conferma la Puglia, seguita da Marche e Toscana con 11 bandiere. Novita’ al quinto posto dove entrano l’Abruzzo, che con le due nuove bandiere di quest’anno sale a quota 10, insieme a Campania, Emilia Romagna e da quest’anno anche il Lazio”. Presenti alla conferenza stampa gli amministratori dei comuni abruzzesi insigniti della bandiera verde. Particolarmente soddisfatti i sindaci di Alba Adriatica e Ortona, le due new entry del 2019. “E’ per noi motivo di orgoglio far parte di questa famiglia – ha detto la prima cittadina di Alba Adriatica Antonietta Casciotti -. L’elemento del turismo familiare rappresenta una delle peculiarita’ per il nostro Comune. La politica dell’accoglienza e’ un elemento su cui le amministrazioni puntano tantissimo, sia per una sopravvivenza economica, sia per una questione di immagine che di rispetto dei turisti che accogliamo nelle nostre localita’”. “Ringrazio il professor Farnetani – ha detto Leo Castiglione sindaco di Ortona – ma soprattutto i pediatri che hanno proposto la candidatura della nostra citta’ a entrare nella famiglia della Bandiera Verde. Oggi si parla di sinergia e penso che questa della Bandiera Verde sia una rete importante su cui credere e investire per creare un ‘prodotto Abruzzo’ spendibile”. Quest’anno la cerimonia di consegna del riconoscimento si terra’ il 28 giugno, al Comune di Praia a Mare .