Parco Gran Sasso e Monti della Laga: “Lupa Ragno” è tornata a correre nei suoi boschi

Per la particolare vivacità dimostrata nelle fasi successive al risveglio, dopo la sedazione da parte dell’appassionato e valido staff di cattura del progetto Life Mirco Lupo, è stata chiamata “Lupa Ragno”. E’ una splendida femmina adulta, del peso di circa 25 kg e di due anni di età, che nei giorni scorsi è stata catturata […]

Per la particolare vivacità dimostrata nelle fasi successive al risveglio, dopo la sedazione da parte dell’appassionato e valido staff di cattura del progetto Life Mirco Lupo, è stata chiamata “Lupa Ragno”. E’ una splendida femmina adulta, del peso di circa 25 kg e di due anni di età, che nei giorni scorsi è stata catturata durante le operazioni di ricerca di ibridi nell’area pescarese del Parco nazionale del Gran Sasso e Monti della Laga.

Le immagini delle fototrappole avevano infatti indicato per la zona la presenza di un branco di sette probabili ibridi, tre con il mantello nero, tre bianchi e neri, due con fenotipo lupino. Nell’area erano state dunque posizionate le speciali trappole utilizzate per la cattura.

Nella notte di mercoledì scorso la trappola è scattata per “Lupa Ragno” che, secondo il protocollo operativo, è stata immediatamente presa in carico dai tecnici veterinari e naturalisti di progetto per il prelievo di sangue da inviare all’ISPRA di Bologna al fine di stabilire con certezza, tramite analisi genetiche, se si trattasse di un ibrido. Il referto delle analisi del DNA molecolare ha indicato che sebbene vi sia traccia di una minima introgressione di caratteri canini, si tratta di un lupo. E’ probabile dunque che vi siano stati fenomeni di ibridazione non recenti nella linea paterna dell’animale, comunque tali da “diluire” la componente canina ad un livello talmente basso da poter considerare lupo l’esemplare catturato. Per tali ragioni “Lupa Ragno” non è stata sterilizzata, come è previsto, invece, per gli animali che risultano a tutti gli effetti ibridi.

L’intera operazione è stata condotta con grande perizia ponendo massima attenzione a ridurre al minimo possibile lo stress alla lupa che giovedì, al tramonto, è stata rimessa in libertà nel suo ambiente, onde raggiungere il branco di appartenenza. In futuro, grazie al radiocollare di cui è stata munita, “Lupa Ragno” permetterà ai tecnici del progetto Life di acquisire ulteriori dati sull’etologia della specie e sull’utilizzo del territorio da parte del suo branco.

L’intervento è parte delle azioni del progetto europeo “Mirco Lupo” dedicato a minimizzare l’impatto del randagismo canino sul lupo e a contrastare l’ibridazione cane/lupo nel territorio dei Parchi nazionali del Gran Sasso e Monti della Laga e dell’Appennino Tosco Emiliano, quest’ultimo capofila di progetto