Formazione: assegnazione aule ai licei del Convitto “Cotugno” dell’Aquila

Il Presidente della Provincia dell’Aquila, Angelo Caruso, ha decretato l’assegnazione delle aule ai licei annessi al Convitto “Cotugno” di L’Aquila per l’anno scolastico 2019/2020. Sono state assegnate 53 aule complessive, così ripartite su 4 sedi: 18 aule nel musp di Via del Castelvecchio (Pettino), 13 aule nel musp di Via Ficara, 14 aule nel musp […]

Il Presidente della Provincia dell’Aquila, Angelo Caruso, ha decretato l’assegnazione delle aule ai licei annessi al Convitto “Cotugno” di L’Aquila per l’anno scolastico 2019/2020. Sono state assegnate 53 aule complessive, così ripartite su 4 sedi: 18 aule nel musp di Via del Castelvecchio (Pettino), 13 aule nel musp di Via Ficara, 14 aule nel musp di Via Acquasanta (sede liceo musicale), 8 aule nella sede dell’Istituto Tecnico Geometri “Colecchi”.

Il decreto prevede inoltre che a breve verrà assegnato al Convitto “D. Cotugno” un ulteriore musp ubicato in Via Madonna di Pettino, grazie ad accordo con il Comune dell’Aquila, resosi libero dall’Istituto di scuola primaria Maestre Pie Filippini: qui verranno trasferite le classi allocate nell’ Itg “Colecchi”; nello stesso tempo, gli spazi liberati in questa sede saranno a disposizione del vicino IIS “A. Bafile” che ne ha fatto richiesta.

Il decreto prevede inoltre che per l’attività motoria delle classi ubicate nei musp della zona ovest della città si farà ricorso ad apposita convenzione con il Cus L’Aquila, per l’uso gli impianti sportivi di “Centi Colella”, con costi e trasporto a carico della Provincia, mentre le classi ubicate nella polo di Colle Sapone avranno a disposizione la palestra dell’Itg “Colecchi”. Per le esigenze delle assemblee, viene messa a disposizione l’aula magna dell’IIS “D’Aosta”.

“Con questo provvedimento – afferma il Vice Presidente della Provincia con delega edilizia scolastica, Vincenzo Calvisi – si è fatta la migliore razionalizzazione di spazi disponibili per i licei del “Cotugno” – con l’auspicio che sia l’ultimo anno di sacrifici, per gli studenti ed il personale. I lavori di miglioramento sismico sui corpi della sede non agibile in Via Da Vinci procedono, per un importo complessivo che supera i 3 milioni di euro, con obiettivo di concluderli entro il prossimo anno 2020, mentre per l’avvio dell’appalto della futura nuova scuola prevista sull’area della ex Caserma Rossi siamo in attesa che l’amministrazione comunale formalizzi l’assegnazione dell’area alla Provincia”.