L’Aquila raccontata dai suoi ragazzi: torna “MAXXI A[R]T WORK”

L’arte torna a viaggiare sulle gambe dei piu’ giovani con il progetto MAXXI A[R]T WORK, il percorso di orientamento e competenze trasversali del Museo delle arti del XXI secolo di Roma, dedicato agli studenti di tutta Italia. Dopo l’esperienza dei ragazzi del liceo Bafile, che avevano raccontato L’Aquila con reportage fotografici, anche quest’anno il progetto […]

L’arte torna a viaggiare sulle gambe dei piu’ giovani con il progetto MAXXI A[R]T WORK, il percorso di orientamento e competenze trasversali del Museo delle arti del XXI secolo di Roma, dedicato agli studenti di tutta Italia. Dopo l’esperienza dei ragazzi del liceo Bafile, che avevano raccontato L’Aquila con reportage fotografici, anche quest’anno il progetto arriva nel capoluogo abruzzese con gli studenti dell’istituto Amedeo D’Aosta, che realizzeranno invece audio narrazioni dei castelli di fondazione della citta’.
Il progetto e’ stato presentato questa mattina nell’istituto Amedeo D’Aosta, con cui e’ stata stipulata una convenzione per un Pcto (Percorsi per le Competenze Trasversali e per l’Orientamento) all’interno del progetto di promozione turistica ‘L’Aquila dei 99′. Gli studenti, infatti, saranno chiamati a vestire i panni di ambassador di quattro dei 99 castelli di fondazione della citta’, uno per ciascuno dei quarti in cui e’ divisa: ‘Ocre’ per il quartiere di San Giorgio, ‘Pizzoli’ per il quartiere di San Pietro, ‘San Pio delle Camere’ per il quartiere di Santa Maria, ‘Lucoli’ per il quartiere di San Giovanni.
Dopo la ricerca delle fonti e l’attivita’ di studio, sotto la guida dell’archeologa Francesca Savini, i ragazzi saranno protagonisti de ‘L’ottobre dei castelli’: quattro domeniche di ottobre dedicate a visite guidate nei quattro borghi con gli studenti in veste di guide turistiche.
A conclusione del progetto, le audio narrazioni prodotte sotto la guida dello staff di MAXXI A[R]T WORK e i contenuti digitali sviluppati con l’ausilio dell’archeologo Alessio Cordisco, saranno disponibili attraverso QR Code installati su pannelli nel territorio dei Comuni interessati. Il progetto vede inoltre la collaborazione delle amministrazioni comunali di Ocre, Lucoli, Pizzoli, San Pio delle Camere e il sostegno del comune di L’Aquila, dell’Ufficio Scolastico Regionale e della Camera di Commercio di L’Aquila.