Sanità. Rizzotti: “Su terapie avanzate burocrazia non metta paletti “

“Noi sappiamo che ci sono gia’ molti farmaci avanzati approvati, a livello internazionale ed europeo, che aspettano da mesi risposte dal nostro sistema di regolazione. Su questo e’ necessaria una profonda riflessione, per far si’ che ancora una volta non sia la burocrazia a porre i paletti all’industria e alla ricerca, perche’ poi ricade sulla […]

“Noi sappiamo che ci sono gia’ molti farmaci avanzati approvati, a livello internazionale ed europeo, che aspettano da mesi risposte dal nostro sistema di regolazione.

Su questo e’ necessaria una profonda riflessione, per far si’ che ancora una volta non sia la burocrazia a porre i paletti all’industria e alla ricerca, perche’ poi ricade sulla vita delle persone”.

Lo ha detto Maria Rizzotti, membro della XII Commissione Igiene e Sanita’ del Senato, intervistata oggi dall’agenzia Dire in occasione della presentazione al ministero del secondo Report italiano sulle Atmp- Advanced therapy medicinal products.

“L’importanza delle terapie avanzate e’ sotto gli occhi di tutti- ha proseguito la senatrice- Oggi noi abbiamo la possibilita’ di dare risposte di guarigione, di salute e di miglioramento della qualita’ di vita a pazienti con patologie, cosa che fino a poco tempo fa non era possibile.

Mi auguro veramente che si possa proseguire su questa strada, perche’ l’attenzione che si ha nei confronti del malato e’ fondamentale. Tutte le persone affette da patologie importanti devono avere la possibilita’ di accedere a terapie cellulari personalizzate e a farmaci biologici. E in questo- ha concluso- lo Stato ha una responsabilita’ essenziale”.