Ilaria Alpi e Miran Hrovatin, presidio giornalisti venerdì 8: “Noi non archiviamo”

Venerdi’ 8 giugno, giorno della nuova udienza sulla richiesta di archiviazione delle indagini sull’omicidio di Ilaria Alpi e Miran Hrovatin, i rappresentanti dei giornalisti italiani si ritroveranno ancora una volta davanti al Tribunale di Roma, a piazzale Clodio, per chiedere che non venga abbandona la ricerca della verita’ sull’assassinio della giornalista e dell’operatore del ‘Tg3′ […]

Venerdi’ 8 giugno, giorno della nuova udienza sulla richiesta di archiviazione delle indagini sull’omicidio di Ilaria Alpi e Miran Hrovatin, i rappresentanti dei giornalisti italiani si ritroveranno ancora una volta davanti al Tribunale di Roma, a piazzale Clodio, per chiedere che non venga abbandona la ricerca della verita’ sull’assassinio della giornalista e dell’operatore del ‘Tg3′ uccisi il 20 marzo 1994 a Mogadiscio. “Saremo di nuovo al fianco di Luciana Alpi nel suo viaggio alla ricerca di una verita’ ancora negata. Al di la’ di cio’ che decidera’ il giudice, noi giornaliste e giornalisti abbiamo il dovere di non archiviare, di continuare a cercare verita’ e giustizia”, ribadiscono il segretario generale e il presidente della FNSI, Raffaele Lorusso e Giuseppe Giulietti, e il segretario dell’Usigrai, Vittorio Di Trapani. “Ancor di piu’ – proseguono – alla luce delle nuove rivelazioni emerse grazie al lavoro dei colleghi e delle colleghe di Ilaria e Miran e dei nuovi documenti depositati nel corso dell’udienza del 17 aprile”. Insieme con la Federazione nazionale della Stampa italiana, come gia’ nelle precedenti occasioni, ci saranno i rappresentanti di Consiglio nazionale dell’Ordine dei giornalisti, Usigrai, Cdr del Tg3, Ordine dei giornalisti del Lazio, Associazione Stampa Romana, Articolo 21, Rete NoBavaglio, Libera, Libera Informazione, Legambiente, Associazione Amici di Roberto Morrione, Amnesty International Italia. L’appuntamento e’ per venerdi’ 8 giugno, dalle 9.30 alle 12, davanti all’ingresso del Tribunale.