Coronavirus. Abruzzo, a Castiglione Messer Raimondo in 24h morti padre e figlio

Sempre piu’ drammatica la situazione a Castiglione Messer Raimondo, piccolo Comune della zona rossa della Val Fino (Teramo) dove vivono poco piu’ di duemila abitanti. Nelle ultime ore sono morti un padre e un figlio entrambi affetti da Covid-19, portando a 13 il numero delle vittime e dove, ad oggi, sono 56 i casi accertati. […]

Sempre piu’ drammatica la situazione a Castiglione Messer Raimondo, piccolo Comune della zona rossa della Val Fino (Teramo) dove vivono poco piu’ di duemila abitanti. Nelle ultime ore sono morti un padre e un figlio entrambi affetti da Covid-19, portando a 13 il numero delle vittime e dove, ad oggi, sono 56 i casi accertati. L’unica buona notizia nel paese e’ che inizieranno finalmente i tamponi a tappeto e ad annunciarlo sul suo profilo Fb e’ il sindaco Vincenzo D’Ercole, anche lui colpito dal Coronavirus. “A seguito di una importante interlocuzione con il direttore del dipartimento Prevenzione della Asl di Teramo, Ercole D’Annunzio- scrive- nella giornata di mercoledi’ 1 aprile sui nostri territori comunali vi saranno due ambulanze che effettueranno tamponi per il virus Covid-19”. “Tali controlli, in questa prima fase- aggiunge- riguarderanno le persone che, individuate dai medici di base hanno dei sintomi da Coronavirus e sono a casa”. Grazie ad una postazione fissa “si estenderanno alle persone che per lavoro sono quotidianamente esposti al rischio contagi e trasmissione”, ovvero farmacisti, volontari e tutti coloro che, per lavoro, entrano a contatto con altre persone. “Un piccolo passo in avanti che ci consentira’- conclude- nei prossimi giorni, di avere un quadro piu’ delineato dei contagiati, gia’ infinitamente troppi per la nostra realta’”. Un caso, quello di Castiglione Messer Raimondo, arrivato fino in Parlamento con la deputata Pd Stefania Pezzopane che per i sindaci della zona rossa, a cominciare da D’Ercole, si e’ appellata al ministro della Salute Roberto Speranza “affiche’ verifichi quanto accade in quei territori e chiedo di attivare anche interventi sostitutivi in presenza di cosi’ gravi inadempienze”.