Nilde Jotti: omaggio a teatro nel decennale della morte

Il 4 dicembre di 10 anni fa moriva Nilde Iotti, che venti anni prima, nel 1979,  era stata la prima donna eletta presidente della Camera., per cui quest’anno segna un doppio anniversario: il trentennale della storica elezione e il decennale della scomparsa. Tra le iniziative promosse per celebrare questa straordinaria figura di donna e parlamentare, […]

nilde jottiIl 4 dicembre di 10 anni fa moriva Nilde Iotti, che venti anni prima, nel 1979,  era stata la prima donna eletta presidente della Camera., per cui quest’anno segna un doppio anniversario: il trentennale della storica elezione e il decennale della scomparsa. Tra le iniziative promosse per celebrare questa straordinaria figura di donna e parlamentare, s’inserisce la novità  assoluta di un’opera teatrale, intitolata “’Leonilde, storia eccezionale di una donna normale’”, racconto-spettacolo scritto da Sergio Claudio Perroni e coprodotto dal Teatro Stabile di Catania e da Artisti Riuniti, con prima assoluta prevista  a Roma, nella sala della Protomoteca del Campidoglio, il 4 dicembre prossimo, alle ore 21. La vita di Leonilde Jotti detta Nilde, è presto raccontata. Nata a Reggio Emilia, figlia di un deviatore delle Ferrovie, sindacalista socialista e perseguitato nel ventennio, fu iscritta ad una scuola cattolica privata poiché secondo il padre era meglio che stesse con i preti che con i fascisti. Religiosa, andava alle processioni con il vestito bianco delle figlie di Maria. Morto il padre nel 1934, la madre lavorò come una bestia da soma perché la figlia potesse studiare e diventare “qualcuno”, come era nel sogno del marito. Nilde era l’ultima di quattro figli e l’unica sopravvissuta. E Nilde riuscì a studiare poiché, essendo bravissima, vinse borse di studio su borse di studio e a diciotto anni s’iscrisse alla facoltà di Lettere alla Cattolica di Milano, dove si laureò 4 anni dopo.  Eletta parlamentare a 26 anni, membro della “Commissione dei 75” che elaborò  il progetto della Costituzione con lei si ripercorrono le tappe cruciali del Novecento e i temi fondanti della nostra contemporaneità, dal Fascismo alla Seconda Guerra Mondiale, dalla Resistenza alla nascita della Repubblica, dalla Costituzione alla conquista dei diritti delle donne. Ha scritto l’autore che lo spettacolo intende essere il percorso di una donna determinata e tenace, per quasi vent’anni compagna “scomoda” di Palmiro Togliatti; una grande donna italiana che, in un’Italia ancora troppo bigotta per accettare la sua relazione con un uomo sposato, antepone i sentimenti alla ragione e difende coraggiosamente il valore delle proprie scelte. Protagonista nei panni di Nilde-Leonilde è Paola Cortellesi, bellisikma 36enne con occhi che sprizzano allegria, che prima in radio (con esordio a 13 anni), poi davanti allo sguardo indiscreto della cinepresa,  (come nel film Persepolis del 2007) ha osato fare della critica sociale e ha vinto. La sua caratteristica predominante che salta subito all’occhio è l’inesausta voglia di re-inventarsi cambiando continuamente contesto e cimentandosi in progetti sempre differenti, i tv, al cinema, in teatro. Straordinaria in “Gli ultimi saranno gli ultimi” del 2006, si cimenta orain un’opera di grande impegno e notevole spessore, il cui senso è tutto nel bell’incipit di Perrone: “’Neanche il tempo di essere ragazza, ed ero già donna. Cresciuta in fretta, troppo in fretta. Come tutte le belle figliol”, diceva mio padre. Ma in realtà la bellezza non c’entrava. C’entrava la fame. La fame fa crescere in fretta. Belli e brutti, figliole e figlioli. Se non li ammazza prima.”

Carlo Di Stanislao

© Riproduzione Riservata

Una replica a “Nilde Jotti: omaggio a teatro nel decennale della morte”

  1. VIOLA ha detto:

    Leoncarlo Settimelli
    LA RAGIONE E IL SENTIMENTO
    RITRATTO DI NILDE IOTTI

    Collana: Analisi
    pp. 152 – euro 14,00

    A dieci anni dalla morte, la figura di Nilde Iotti, la prima donna a ricoprire la carica di Presidente della Camera, rimane per molti versi inesplorata. La sua proverbiale discrezione e la sua riluttanza a raccontare i particolari della sua vita hanno lasciato un’ampia zona d’ombra sulla sua personalità.
    Da dove veniva Nilde Iotti? Qual è stata la sua formazione? Come ha fatto una giovane cattolica impegnata a diventare il punto di riferimento del più forte partito comunista d’Occidente? E poi Togliatti, l’uomo a cui è stata legata da un amore lungo e profondo. Dal rocambolesco incontro in un ascensore di Montecitorio, alle difficoltà di avviare una normale convivenza, con i dirigenti del partito decisi a nascondere una relazione che non avrebbe dovuto esserci.
    Leoncarlo Settimelli racconta la vita della donna Nilde Iotti, il suo rapporto con il padre Egidio (ferroviere antifascista), l’iniziazione al comunismo ad opera del cugino Valdo Magnani e le riflessioni intime della donna che ha determinato molti dei successi «femministi» della politica italiana.

    LEONCARLO SETTIMELLI
    Giornalista professionista, musicologo e regista, ha pubblicato tra gli altri Canti anarchici (1972), Canti socialisti e comunisti (1973) per Samonà e Savelli; Canti rivoluzionari portoghesi (Newton Compton, 1977) tutti con Laura Falavoliti; Mister Volare. Il romanzo di Domenico Modugno (Pantheon, 1995 – con Giancarlo Governi), Dal profondo dell’inferno. Canti e musica al tempo dei lager (Marsilio, 2001- prefazione di Moni Ovaia) e il ’68 cantato e altre stagioni (Zona, 2008). Per la tv cura la serie Ritratti (Rai Tre, con Giancarlo Governi).

    Ufficio Stampa Castelvecchi Editore, via Isonzo 34 – 00198 Roma – Tel. 06 8844749
    Alex Pietrogiacomi, [email protected] – 347 8057496
    Sabina de Gregori, [email protected]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.