Meredith, Amanda e Raffaele colpevoli

Amanda Knox e Raffaele Sollecito sono stati condannati per l’omicidio di Meredith Kercher, uccisa a Perugia nella notte tra il primo e il 2 novembre del 2007. Ad Amanda sono stati inflitti 26 anni di reclusione, a Raffaele 25 anni. Amanda è esplosa in lacrime dopo aver ascoltato il dispositivo di sentenza. “No, no…”, ha mormorato […]

amandaAmanda Knox e Raffaele Sollecito sono stati condannati per l’omicidio di Meredith Kercher, uccisa a Perugia nella notte tra il primo e il 2 novembre del 2007. Ad Amanda sono stati inflitti 26 anni di reclusione, a Raffaele 25 anni. Amanda è esplosa in lacrime dopo aver ascoltato il dispositivo di sentenza. “No, no…”, ha mormorato abbracciata al suo avvocato, mentre il presidente della corte d’Assise Massei leggeva il lungo dispositivo.Impassibile, invece, Raffaele mentre ascoltava la decisione dei giudici. Quando ha lasciato l’aula, la sorella gli ha urlato: “Forza, forza Raffaele!”.

I due imputati hanno evitato l’ergastolo, che era stato chiesto dai pubblici ministeri, perché la corte ha ritenuto di escludere le aggravanti contestate e di concedere le attenuanti generiche. I reati sono stati dichiarati unificati dal vincolo della continuazione e quello di violenza sessuale assorbito nel reato di omicidio volontario.
  
Amanda Knox e Raffaele Sollecito, inoltre, sono stati condannati al pagamento delle spese processuale, interdetti per sempre dai pubblici uffici; dovranno, inoltre, risarcire i famigliari di Meredith. I due imputati hanno quindi lasciato l’aula scortati dagli agenti della polizia penitenziaria.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.