Il presidente Olivero: “No a scaricabarile tra governo e regioni sulle risorse per le famiglie”

Roma, 23 febbraio 2010 – Le Associazioni cristiane dei lavoratori italiani sottoscrivono pienamente i contenuti del “manifesto” elaborato dal Forum delle Associazioni Familiari in vista delle prossime elezioni regionali, esprimendo al contempo apprezzamento per il lavoro svolto dal presidente Belletti e dall’intero consiglio direttivo.«L’obiettivo di disegnare una “Regione a misura di famiglia” – come recita […]

Roma, 23 febbraio 2010 – Le Associazioni cristiane dei lavoratori italiani sottoscrivono pienamente i contenuti del “manifesto” elaborato dal Forum delle Associazioni Familiari in vista delle prossime elezioni regionali, esprimendo al contempo apprezzamento per il lavoro svolto dal presidente Belletti e dall’intero consiglio direttivo.«L’obiettivo di disegnare una “Regione a misura di famiglia” – come recita il titolo del documento – deve essere l’impegno prioritario di chi si candida a governare le nostre regioni». Lo afferma il presidente nazionale delle Acli Andrea Olivero che invita i candidati alle prossime elezioni a sottoscrivere il documento del Forum per «assumersi pubblicamente un impegno di fronte alle famiglie italiane».

Le Acli sono tra le organizzazioni co-fondatrici del Forum delle Associazioni Familiari. «Da anni – spiega Olivero – chiediamo politiche organiche e strutturali a favore delle famiglie e riceviamo indietro misure una tantum di carattere meramente assistenziale. Lavoro, fisco, casa, scuola e servizi sono i pilastri intorno ai quali costruire una vera politica familiare all’altezza dei nostri partner europei. Le Regioni possono e debbono fare la loro parte, a partire dall’approvazione e la piena applicazione delle leggi regionali sulle famiglie. Ma anche il Governo non può nascondersi dietro l’alibi della crisi economica per non agire sul piano delle politiche nazionali. Dopo le estenuanti contese ideologiche degli ultimi anni, non possiamo ora assistere allo spettacolo dello scaricabarile tra Stato e Regioni sulla risorse da destinare alle famiglie italiane. Tutti si assumano fino in fondo le proprie responsabilità».

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.