Forte terremoto in Emilia, paura in tutta Nord Italia: 5 morti

Una forte scossa di terremoto di magnitudo 5.9 ha sconvolto l’Emilia Romagna alle 4:04. In precedenza un’altra scossa di magnitudo 4.1 era stata registrata poco dopo l’una sempre tra Veneto, Emilia e Lombardia. Il bilancio è di almeno cinque vittime. Il Servizio geologico degli Stati Uniti (Usgs) ha rivisto a 6 (dal precedente 5.9) la […]

Una forte scossa di terremoto di magnitudo 5.9 ha sconvolto l’Emilia Romagna alle 4:04. In precedenza un’altra scossa di magnitudo 4.1 era stata registrata poco dopo l’una sempre tra Veneto, Emilia e Lombardia. Il bilancio è di almeno cinque vittime.
Il Servizio geologico degli Stati Uniti (Usgs) ha rivisto a 6 (dal precedente 5.9) la magnitudo del forte terremoto che ha colpito nella notte l’Emilia Romagna, e l’ipocentro della scossa a 5,1 km di profondità (dai precedenti 10,1).
Crolli in alcune fabbriche di Bondeno, in provincia di Ferrara, sono stati segnalati ai Vigili del fuoco.
Gli operai morti lavoravano al reparto monocottura della Sant’Agostino Ceramiche. ‘Mi sembra di vivere un incubo”, racconta Vittorio Battagia, rappresentante sindacale della fabbrica. Le vittime, Nicola Cavicchi e Leonardo Ansaloni, avrebbero terminato il loro turno di lavoro alle 6.
Una donna di 37 anni è morta a Sant’Alberto di San Pietro in Casale, nel Bolognese, probabilmente a causa di un malore provocato dallo spavento riportato durante il sisma.
Un operaio marocchino di 29 anni è morto a causa del terremoto a Ponte Rodoni, località di Bondeno, poco più di 15 mila abitanti in provincia di Ferrara. Lavorava alla Ursa, azienda di polistirolo espanso, e il suo turno sarebbe terminato alle 5.