Fumo, IIss: aumentare di un ero il costo delle sigarette

Per incentivare la diminuzione dei fumatori in Italia e, al contempo, rimpinguare le casse dello Stato, bisognerebbe “aumentare in modo considerevole e, dunque, di un euro, il costo di ogni pacchetto di sigarette”. E’ l’appello lanciato da Enrico Garaci, presidente dell’Istituto superiore di Sanita’, nella Giornata mondiale senza tabacco. “Ci sarebbero benefici- spiega ai cronisti- […]

Per incentivare la diminuzione dei fumatori in Italia e, al contempo, rimpinguare le casse dello Stato, bisognerebbe “aumentare in modo considerevole e, dunque, di un euro, il costo di ogni pacchetto di sigarette”. E’ l’appello lanciato da Enrico Garaci, presidente dell’Istituto superiore di Sanita’, nella Giornata mondiale senza tabacco. “Ci sarebbero benefici- spiega ai cronisti- per il fisco, per la ricerca biomedica e per il trattamento dei pazienti fumatori. Facciamo appello al governo e al Parlamento perche’ si muovano in questa direzione”. Al coro degli esperti si aggiunge la voce del farmacologo Silvio Garattini: “I morti per cause riconducibili al fumo- spiega- sono ogni anno 70-80mila. Uno studio dell’Istituto Mario Negri (che Garattini dirige, ndr) ha dimostrato che l’aumento di un euro del costo delle sigarette produrrebbe una diminuzione del consumo del 4%. E si produrebbe un introito per lo Stato di 3 miliardi di euro in piu’ all’anno”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.