Alluvione in Russia, è strage. Decine di morti, stop all’export di greggio

Almeno 70 persone hanno perso la vita a causa di alluvioni seguite a violenti nubifragi in Russia, nella regione di Krasnodar, sul Mar Nero. Lo ha comunicato la polizia locale. “Finora sono stati rinvenuti 56 corpi, nel distretto di Krymsk, mentre altre nove persone sono morte a Gelendzhik, una località balneare sul Mar Nero, e […]

Almeno 70 persone hanno perso la vita a causa di alluvioni seguite a violenti nubifragi in Russia, nella regione di Krasnodar, sul Mar Nero. Lo ha comunicato la polizia locale. “Finora sono stati rinvenuti 56 corpi, nel distretto di Krymsk, mentre altre nove persone sono morte a Gelendzhik, una località balneare sul Mar Nero, e due nel porto di Novorossiisk”, ha detto Igor Zhelyabin, portavoce della polizia regionale aggiungendo che “gli agenti stanno accrescendo la loro presenza per evitare atti di sciacallaggio di massa”.

Nella regione di Gelendzhik, oltre 22mila persone e un ospedale sono rimasti senza elettricità. Il traffico sulla ferrovia Krymskaya-Bakanskaya e sull’arteria stradale Krasnodar-Novorossiisk è stato interrotto. Da Mosca è partito un aereo di soccorsi diretto a Krasnodar.

A causa della tempesta la Russia ha bloccato l’attività navale nel porto di Novorossirsk e anche l’export di petrolio spiegando che “abbiamo bloccato le spedizioni, a causa della tempesta. La regione è in pieno collasso per i trasporti”