Ilva: Cassazione confermò danni da polveri

Italia divisa in due sul fronte meteo. Temporali “flash”, brevi ma intensi tanto da provocare frane nel Nord Italia, e temperature ‘bollenti’ al centrosud dove domani sara’ il giorno piu’ caldo dell’estate: sono gli effetti della perturbazione atlantica che ha fatto ingresso sul Paese e dell’anticiclone sahariano che ‘mollera’ la presa’ tra pochi giorni. Per […]

Italia divisa in due sul fronte meteo. Temporali “flash”, brevi ma intensi tanto da provocare frane nel Nord Italia, e temperature ‘bollenti’ al centrosud dove domani sara’ il giorno piu’ caldo dell’estate: sono gli effetti della perturbazione atlantica che ha fatto ingresso sul Paese e dell’anticiclone sahariano che ‘mollera’ la presa’ tra pochi giorni. Per Antonio Sano’ del sito ‘ilmeteo.it’ quello in arrivo al centrosud e’ il quinto anticiclone sahariano subtropicale dell’estate, battezzato “Nerone”.

Al nord, pero’, si fa i conti con il maltempo. Mentre e’ in arrivo una nuova perturbazione su tutto il settentrione, oggi e’ stato inviato l’esercito in Alta Val d’Isarco, in Alto Adige, dove ieri un nubifragio ha provocato una serie di frane che hanno fatto due vittime. Si tratta, secondo Sano’, di “‘temporali-flash’ “capaci di scaricare fino a 50 litri d’acqua per metro quadro in pochi minuti provocando frane e allagamenti”.

A determinare le piogge nel settentrione, secondo il meteorologo Mario Giuliacci del sito ‘meteogiuliacci.it’, e’ il contrasto tra l’aria fresca atlantica con l’aria piu’ calda di pianura. “Nelle Alpi il massimo delle perturbazioni si ha in estate – aggiunge il meteorologo – perche’ rappresentano il primo ‘contatto’ dell’aria atlantica con quella ‘locale’. Inoltre quasi ogni giorno vi si verificano i temporali da calore, dovuti al surriscaldamento delle vallate”.

Giuliacci prevede che “l’ultimo giorno di vero caldo sara’ giovedi’ 9, poi le temperature scenderanno di 3-6 gradi, con punte di 8-10 gradi. L’11 e 12 agosto avremo quasi tutta la Penisola con temperatura nelle norme, mentre gia’ il 14 agosto avremo un’altra ondata di caldo, meno intensa, che durera’ fino al 21 e interessera’ marginalmente il sud”.

Quanto all’arrivo di ‘Nerone’, il quinto, ultimo e piu’ potente anticiclone sahariano subtropicale dell’estate, si prevede caldo record anche domani sul resto del sud e sulla Sicilia, con punte di 42 gradi in Puglia e Basilicata, 41 in Calabria specie nel cosentino, 42 in Sicilia e addirittura 43 nella Valle dei Templi di Agrigento. Il campidano in Sardegna si fermerà a 40. Roma e Firenze oggi toccheranno i 37, ma domani potrebbero superare i 38°C, così come Napoli e Bari e Perugia. Secondo Sanò domani sarà la giornata più calda dell’estate al centrosud e sull’Emilia, mentre da giovedì e venerdì giungeranno dei venti da nord più miti dalla Bretagna che riporteranno gradualmente le temperature più vicine alle medie soprattutto sulle regioni adriatiche. In ogni, caso, i primi due mesi dell’estate, secondo Michele Brunetti dell’Isac-Cnr, si chiudono con un record sfiorato: e’ stata infatti finora la seconda estate piu’ calda degli ultimi 200 anni, dopo il 2003.

Intanto il ministero della Salute indica oggi e domani con il ‘bollino rosso’ (rischio salute per tutta la popolazione) Roma e Palermo, e solo domani Civitavecchia. L’8 agosto il bollino rosso e’ in ben 13 citta’: Civitavecchia, Firenze, Frosinone, Latina, Messina, Napoli, Palermo, Perugia, Pescara, Reggio Calabria, Rieti, Roma, Viterbo.