Come si diventa grandi? Uno studio seguirà gli adolescenti per 8 anni

Come si diventa grandi? Cosa determina una buona crescita e quali sono i fattori che incidono in quella delicata fase della vita che si chiama adolescenza? A queste domande si propone di dare risposte lo studio “Crescere”, acronimo di “Costruire Relazioni ed Esperienze di Sviluppo Condivise con Empatia, Responsabilità ed Entusiasmo”, realizzato dalla Fondazione Emanuela […]

Come si diventa grandi? Cosa determina una buona crescita e quali sono i fattori che incidono in quella delicata fase della vita che si chiama adolescenza? A queste domande si propone di dare risposte lo studio “Crescere”, acronimo di “Costruire Relazioni ed Esperienze di Sviluppo Condivise con Empatia, Responsabilità ed Entusiasmo”, realizzato dalla Fondazione Emanuela Zancan onlus e dal De Leo Fund, insieme alla Fondazione Cassa di risparmio di Padova e Rovigo e alla Camera di Commercio di Padova (co-finanziatori dello studio). La ricerca, presentata oggi a Padova, si propone di capire cosa accade ai ragazzi, nella scuola, in famiglia, nel gioco e nel tempo libero, per dare risposte ai genitori, agli insegnanti, a quanti hanno a cuore la necessità di garantire ai ragazzi opportunità per crescere.

Lo studio – che si avvale di un comitato scientifico composto da esperti di varie discipline (statistici, demografi, psicologi, neuropsichiatri infantili, metodologi, sociologi, pedagogisti, pediatri, educatori) – entra ora nella fase attuativa con la procedura di campionamento. Grazie alla collaborazione delle conferenze dei sindaci delle Ulss 15, 16 e 17 e di una parte significativa dei comuni della provincia, saranno estratti con una procedura di campionamento casuale dalle liste anagrafiche i nominativi di 1.000 ragazzi di 11 anni (su una popolazione di riferimento di 8.654 ragazzi). Trattandosi di uno studio longitudinale, di lunga durata, i ragazzi saranno seguiti fino al compimento della maggiore età. Gli strumenti di rilevazione consistono sostanzialmente in un ampio questionario e in una visita medico-sportiva per indagare gli aspetti relativi allo stato di salute.

“Lo studio ci aiuterà a capire come si studia, si cresce, si affrontano i compiti di sviluppo, si vive in famiglia, si gestiscono i problemi di apprendimento e di salute, come ci si prepara al lavoro, come si partecipa e si diventa grandi” sottolinea il direttore della Fondazione Zancan, Tiziano Vecchiato, che paragona la ricerca a una grande opera. “Ci vuole coraggio, tempo, bisogna saper investire tante energie. Nel sociale dobbiamo imparare guardare oltre le difficoltà immediate, oltre gli utili a breve, co-investendo”. Il direttore del De Leo Fund, Diego De Leo, evidenzia che “la particolarità di questo studio è che offre una prospettiva a 360 gradi sulla crescita, indagando aspetti finora inediti. È anche un’occasione per aiutare le famiglie nel difficile compito di essere genitori”. Il presidente della Camera di Commercio di Padova, Roberto Furlan, sottolinea come “una ricerca di questo tipo può contribuire a capire tempestivamente i cambiamenti attitudinali, relazionali e di avvicinamento al mondo del lavoro che interessano le giovani generazioni. Può costituire un ulteriore tassello per creare opportunità di sviluppo ai giovani e alle imprese del territorio padovano”. I risultati del progetto saranno diffusi almeno una volta all’anno e discussi in momenti pubblici con tutti i soggetti interessati. Informazioni ulteriori sono disponibili nel sitowww.fondazionezancan.it/news.