Toto Cutugno: “E’ come se avesse vinto di nuovo il Festival di Sanremo”

Toto Cutugno,  è come se avesse vinto di nuovo il Festival di Sanremo, trent’anni dopo “L’Italiano”. Che sensazione è stata? “È stata un’emozione diversa da tutte le altre volte: ero a mio agio, non ero in gara… Ero tranquillo, felice di essere su quel palco. Devo dire grazie a Fabio e Luciana…” L’ha vissuta anche […]

Toto Cutugno,  è come se avesse vinto di nuovo il Festival di Sanremo, trent’anni dopo “L’Italiano”. Che sensazione è stata?

“È stata un’emozione diversa da tutte le altre volte: ero a mio agio, non ero in gara… Ero tranquillo, felice di essere su quel palco. Devo dire grazie a Fabio e Luciana…”

L’ha vissuta anche come una rivincita nei confronti di chi la considera un cantante troppo “leggero”?

“No, ormai è passato quel momento “stupido”, oggi non mi arrabbierei più… Per alcuni versi, avevano ragione quando mi attaccavano… Ma non è una rivalsa, sono solo cambiati i tempi, c’è più consapevolezza”.

Lei si sente un “monumento” della canzone italiana? O un “ambasciatore”?

“Mi sento un artista italiano e, grazie a Dio, le mie canzoni spesso sono in giro per il mondo… Sì, direi di sentirmi di più un ambasciatore della canzone italiana nel mondo”.

Musicalmente cosa pensa di poter dare ancora? E dove vede andare la musica italiana?

“Ci sono nuovo talenti oggi, che escono dai “talent show”, sono a volte straordinari, hanno grandi capacità e alcuni di loro rimarranno nel tempo, ne sono certo. Ma sono meno avvantaggiati di noi, devono tener duro perchè sono meno fortunati di noi!”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.