Rugby 6 Nazioni, L’Italia deve trovare continuità

“La nostra sfida è trovare costanza, continuità. Dopo la Francia abbiamo faticato molto contro la Scozia, ora veniamo da una gara interessante come quella di Twickenham e speriamo di confermarci. Quella che sarà la valutazione che potremo dare al nostro 6 Nazioni dipenderà molto dalla partita di sabato contro l’Irlanda, dal risultato e dalla performance […]

“La nostra sfida è trovare costanza, continuità. Dopo la Francia abbiamo faticato molto contro la Scozia, ora veniamo da una gara interessante come quella di Twickenham e speriamo di confermarci. Quella che sarà la valutazione che potremo dare al nostro 6 Nazioni dipenderà molto dalla partita di sabato contro l’Irlanda, dal risultato e dalla performance che mostreremo tra due giorni”.

Così il CT di Italrugby Jacques Brunel oggi nella conferenza stampa che ha seguito l’annuncio della formazione titolare da parte del manager azzurro Troiani. “La seconda linea con Furno e Geldenhuys titolari e Pavanello e Minto pronti all’ingresso nella ripresa ha funzionato bene in Inghilterra. Pavanello e Minto quando sono entrati hanno dato un contributo importante e proprio per mantenere un funzionamento della squadra il più possibile simile a quello della settimana scorsa abbiamo confermato buona parte della squadra” ha aggiunto Brunel commentando le proprie scelte.

“L’anno scorso a Dublino abbiamo giocato un buon primo tempo, a metà gara eravamo in partita ma in avvio di ripresa abbiamo concesso due mete in pochi minuti ed abbiamo finito per accusare una pesante sconfitta: ricordo bene quella partita e domani sarà altrettanti difficile. L’Irlanda – ha dichiarato il tecnico francese dell’Italia – ha una difesa molto ben strutturata e la capacità di segnare. Nel primo tempo contro il Galles ha messo a segno trenta punti, poi non ha subito mete contro la Scozia e l’Inghilterra e, contro la Francia, l’unica meta concessa nel finale è stata frutto di un episodio. E’ sicuramente un avversario con pochissime debolezze” ha concluso Brunel.