Bankitalia: nuovo record per il debito pubblico italiano

Il debito delle amministrazioni pubbliche italiane tocca un nuovo livello record a marzo. Secondo le rilevazione rese note oggi dalla Banca d’Italia, il debito pubblico italiano è aumentato di 15,3 miliardi rispetto all’ultima rilevazione di Febbraio, arrivando a toccare quota 2,184 miliardi di euro, un livello mai raggiunto fino a questo momento. Secondo la banca […]

Il debito delle amministrazioni pubbliche italiane tocca un nuovo livello record a marzo. Secondo le rilevazione rese note oggi dalla Banca d’Italia, il debito pubblico italiano è aumentato di 15,3 miliardi rispetto all’ultima rilevazione di Febbraio, arrivando a toccare quota 2,184 miliardi di euro, un livello mai raggiunto fino a questo momento.

Secondo la banca centrale, l’incremento di 15,3 miliardi è stato inferiore di 3,5 miliardi a quello che era stimato essere il fabbisogno per il mese di marzo (18,6 miliardi), “grazie all’effetto complessivo dell’emissione di titoli sopra la pari, all’apprezzamento dell’euro e alla rivalutazione dei titoli indicizzati all’inflazione e alla diminuzione di 0,2 miliardi delle disponibilità liquide del Tesoro”. È quanto si legge nel supplemento “Finanza pubblica, fabbisogno e debito” pubblicato da Bankitalia.

Per quanto riguarda il calcolo del debito dei vari sotto-settori, le amministrazioni centrali hanno fatto registrare un incremento dell’indebitamento pari a 14,2 miliardi, mentre quelle locali si sono fermate a 1,1 miliardi. Sostanzialmente invariato il debito degli enti previdenziali.

Per quanto riguarda le entrate tributarie, a marzo queste ammontano a 27,7 miliardi di euro, con un aumento dello 0,6% rispetto allo stesso periodo dello scorso anno. Nel primo trimestre del 2015 infine, le entrate dello state sono state pari a 85,7 miliardi di euro, con valore sostanzialmente in linea con quello che era l’ammontare della stessa voce nella rilevazione precedente, relativa all’ultimo trimestre dell’anno passato.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.