Codacons: su consumi primi passi, ma strada ancora lunga

Si stanno muovendo i primi passi verso la ripresa dei consumi in Italia, ma la strada verso la ripresa è ancora lunga e la linea dell’orizzonte non deve essere “avvicinata” da previsioni troppo ottimistiche. È questo, in sostanza, il commento del Codacons ai dati diffusi oggi da Confcommercio. L’aumento dei consumi dell’1,2% rispetto allo scorso […]

Si stanno muovendo i primi passi verso la ripresa dei consumi in Italia, ma la strada verso la ripresa è ancora lunga e la linea dell’orizzonte non deve essere “avvicinata” da previsioni troppo ottimistiche. È questo, in sostanza, il commento del Codacons ai dati diffusi oggi da Confcommercio.

L’aumento dei consumi dell’1,2% rispetto allo scorso anno è un dato positivo, ma la strada da percorrere è ancora molto lunga – spiega l’associazione – Il gap da recuperare, infatti, è pari alla maxi-cifra di 80 miliardi di euro, corrispondente alla riduzione della spesa operata dalle famiglie negli ultimi 7 anni. Ora è il momento di sostenere i consumi, attraverso una reale liberalizzazione del commercio, che passi dalle aperture libere dei negozi e senza limiti di orario, alla abrogazione dei saldi di fine stagione, lasciando al commerciante la libertà di scegliere quando e come scontare la propria merce tutto l’anno.

Il dato sui consumi diffuso oggi da Confcommercio è “alquanto ottimista e non indica affatto, a nostro parere, una ripresa degna di questo nome. Ne è testimonianza il dato relativo all’andamento dei consumi alimentari, che scendono del -0,5%”. Lo sottolineano i Consumatori in una nota. “Alla nostra economia, non ci stancheremo mai di ripeterlo, non servono dichiarazioni e dati incoraggianti, servono rimedi efficaci”, affermano Rosario Trefiletti ed Elio Lannutti, Presidenti di Federconsumatori e Adusbef. “La via maestra per la ripresa – aggiungono – è l’avvio di un Piano Straordinario per il Lavoro che sia realmente in grado di contribuire alla redistribuzione dei redditi ed al rilancio del potere di acquisti delle famiglie”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.