Un project financing per l’area della Fontana Luminosa /VIDEO

Riportare l’area della fontana luminosa alla sua reale funzione, come era stata pensata al momento della sua costruzione in epoca fascista. Non più un luogo di transito, di parcheggio o al massimo di appuntamento da abbandonare immediatamente verso altri punti della città, ma un autentico centro di aggregazione per i cittadini, senza auto e con […]

Riportare l’area della fontana luminosa alla sua reale funzione, come era stata pensata al momento della sua costruzione in epoca fascista. Non più un luogo di transito, di parcheggio o al massimo di appuntamento da abbandonare immediatamente verso altri punti della città, ma un autentico centro di aggregazione per i cittadini, senza auto e con tanto verde. È questo l’ambizioso obiettivo del project financing proposto da un gruppo di imprenditori aquilani al comune, che mira alla pedonalizzazione dell’area della fontana luminosa e alla sua unione con il parco del Castello. Per realizzare l’ambizioso progetto sarà necessario spostare la viabilità a livello sotterraneo, con dei sottopassaggi, ma anche con delle aree parcheggio riservate ai residenti, a prezzi contenuti, oltre a delle aree destinate alla sosta delle auto di chi vuole accedere al centro storico, per vivere la città. In superficie, spazio al verde e ai negozi, i cui locali verranno offerti dal Comune a prezzi calmierati, al fine di incentivare la ripresa delle attività commerciali nel centro storico.

Il progetto viene presentato come un atto d’amore verso L’Aquila, da parte di quell’imprenditoria cittadina che vuole riqualificare la propria immagine, troppo spesso scalfita dalle inchieste, soprattutto in questo periodo di ricostruzione. I gruppi Frezza, Rainaldi, Chicchetta, Cucchiella e Termoclima, uniti per un progetto da più di 10 milioni di euro, per la riqualificazione di una zona della città da sempre troppo bisfrattata e per nulla valorizzata.

Il coordinamento degli interessi pubblici con l’iniziativa privata, ha spiegato il project manager, Nino Latorretta è la linea guida principale sulla quale si dipana tutto il progetto, per ridare in tempi contenuti un’anima alla città, che possa aiutare a rigenerare il tessuto sociale fortemente provato dal sisma.

GUARDA IL VIDEO SU tiKotv