Perdonanza 2015: sarà vera integrazione? /VIDEO

Si avvicina a grandi passi l’inizio dell’edizione numero 721 della Perdonanza celestiniana, evento clou dell’estate aquilana, che, come da tradizione prenderà il via il 23 agosto prossimo. Una manifestazione che quest’anno avrà come tema centrale quello dell’integrazione e del multiculturalismo. Una scelta, ha spiegato il coordinatore del Comitato Perdonanza, Alfredo Moroni, influenzata dalle cronache giornaliere, […]

Si avvicina a grandi passi l’inizio dell’edizione numero 721 della Perdonanza celestiniana, evento clou dell’estate aquilana, che, come da tradizione prenderà il via il 23 agosto prossimo. Una manifestazione che quest’anno avrà come tema centrale quello dell’integrazione e del multiculturalismo. Una scelta, ha spiegato il coordinatore del Comitato Perdonanza, Alfredo Moroni, influenzata dalle cronache giornaliere, che parlano di continui arrivi di immigrati sul territorio italiano e della difficile convivenza tra popoli. Per recepire  il messaggio di pacificazione tra i popoli e di fratellanza di Celestino V e farsi portatori di questo occorre saper ascoltare l’altro, anche quando è diverso, e proprio in quest’ottica durante le celebrazioni di quest’anno si terranno una serie di incontri e convegni sul tema dell’integrazione, dell’accoglienza e del dialogo interreligioso.

Integrazione dovrebbe significare però anche coinvolgimento diretto dei veri protagonisti della questione ovvero degli stranieri ma sotto questo punto di vista, non risulta ancora ben chiaro in che modo le numerose associazioni di stranieri presenti sul territorio cittadino siano state effettivamente coinvolte nei progetti e negli eventi della Perdonanza. A quanto ci risulta infatti, la consulta degli immigrati della Provincia dell’Aquila e tutte le associazioni di stranieri presenti in città non sarebbero state minimamente prese in considerazione dalle istituzioni nell’organizzazione della Perdonanza. Una situazione che se confermata risulterebbe quanto meno paradossale. Come possono infatti l’integrazione e l’inclusione degli stranieri essere effettive, quando i fatti non sembrano corrispondere alle intenzioni e ai proclami?

GUARDA IL VIDEO SU TIKO TV