Premio Editoria Abruzzese: La Via degli Abruzzi miglior saggio

Il volume La Via degli Abruzzi e le arti nel Medioevo, curato da Cristiana Pasqualetti, One Group Edizioni, e’ stato scelto come vincitore nella sezione Saggistica del Premio dell’Editoria abruzzese – Citta’ di Roccamorice 2015. La premiazione e’ avvenuta ieri presso la Sala Teatrale Comunale “don Donato Bianco” di Roccamorice. Alla professoressa di storia dell’arte […]

Il volume La Via degli Abruzzi e le arti nel Medioevo, curato da Cristiana Pasqualetti, One Group Edizioni, e’ stato scelto come vincitore nella sezione Saggistica del Premio dell’Editoria abruzzese – Citta’ di Roccamorice 2015. La premiazione e’ avvenuta ieri presso la Sala Teatrale Comunale “don Donato Bianco” di Roccamorice. Alla professoressa di storia dell’arte medievale presso l’Universita’ degli studi dell’Aquila, Cristiana Pasqualetti, curatrice del volume che raccoglie i saggi introdotti nell’ambito di un convegno di studi sulla cosiddetta Via degli Abruzzi nel 2012, la giuria del Premio ha riconosciuto: “Il ruolo duplice di coordinatrice di studi mirati su argomenti specifici e di studiosa che in prima persona mette in atto l’importante operazione di recupero e valorizzazione di un episodio cruciale nello sviluppo degli studi sulla pittura in Abruzzo nel tardo ‘300″.

Nella motivazione del premio si sottolinea ancora come “La ricognizione del tabernacolo di Sant’Eustachio nella custodia di Campo di Giove, gia’ in se’ un importante contributo storico-critico, si arricchisce ora della proposta attributiva del suo autore che la studiosa individua nel maestro Nicola Olivieri della Pietranziera. Uno spunto stimolante su cui dovra’ confrontarsi la critica nelle indagini a venire”. Il volume, pubblicato nel dicembre 2014, vanta una nota introduttiva di Francesco Sabatini, presidente onorario dell’Accademia della Crusca. Realizzato sotto il coordinamento editoriale di Duilio Chilante, Amministratore Delegato della One Group, e’ stato stampato con il contributo del Dipartimento di Scienze umane dell’Universita’ degli studi dell’Aquila, con il sostegno della Fondazione Carispaq e con il Patrocinio della Deputazione di storia patria negli Abruzzi.