Diritto allo studio, L’Aquila: al via le domande per il servizio socio ricreativo e psico educativo “Dopo la scuola”

È stato pubblicato un avviso per la presentazione di domande finalizzate all’inserimento di ragazzi nel  servizio socio ricreativo e psico educativo “Dopo la scuola”, destinato ad alunni della scuola primaria e secondaria di primo grado (elementari e medie). La scadenza per la presentazione delle richieste è fissata al 29 gennaio. Lo rende noto l’assessore alle […]

È stato pubblicato un avviso per la presentazione di domande finalizzate all’inserimento di ragazzi nel  servizio socio ricreativo e psico educativo “Dopo la scuola”, destinato ad alunni della scuola primaria e secondaria di primo grado (elementari e medie). La scadenza per la presentazione delle richieste è fissata al 29 gennaio.

Lo rende noto l’assessore alle Politiche sociali e al Diritto allo Studio Emanuela Di Giovambattista.

“L’iniziativa – ha spiegato l’assessore – rientra nella rete dei servizi di prossimità, organismo composto dall’ente comunale e da varie associazioni del territorio. Il servizio è stato attivato già lo scorso anno nell’ambito delle azioni rivolte a famiglie con disagio sociale. In ragione dell’elevato numero di richieste pervenute e dell’esito positivo del progetto si è deciso di attivarlo anche in questa annualità, rendendolo però a domanda e, dunque, estendendone la fruibilità, anche se la priorità andrà comunque a casi in carico ai servizi sociali e a famiglie con reddito Isee fino ad un massimo di 3mila euro. La sede delle attività sarà all’Oratorio Salesiano San Giovanni Bosco, in viale Don Bosco, e la rete di progetto è costituita, oltre che dal Comune dell’Aquila, dall’Opera Salesiana e dall’associazione L’Impronta. Il servizio consiste in attività di socializzazione e stimolazione nell’apprendimento, a carattere prevalentemente ludico – ricreativo, ma anche nel supporto in quelle discipline scolastiche nelle quali dovessero evidenziarsi delle carenze e nell’approfondimento di materie nei confronti delle quali i ragazzi manifestino un particolare interesse. Saranno al lavoro un pedagogista, uno psicologo, degli insegnanti nelle materie scolastiche, esperti di psicomotoria e operatori addetti alla vigilanza. Le attività si svolgeranno dal lunedì al venerdì, dalle 15.30 alle 18.30. Si tratta – ha concluso l’assessore Di Giovambattista – di un’iniziativa volta a offrire alle famiglie un supporto nei processi educativi, favorendo al contempo la socializzazione e la capacità di relazionarsi nei ragazzi, attraverso azioni qualificate da parte di personale esperto nel campo psico pedagogico, con funzione di stimolo anche sotto il profilo socio educativo e dell’apprendimento”.

Il testo completo dell’avviso, contenente tutte le informazioni, e la relativa modulistica sono pubblicati sul sito del Comune dell’Aquila, all’indirizzo ww.comune.laquila.it, nella pagina “Avvisi”,  sezione “Concorsi, gare e avvisi”, area “Amministrazione”.