D’alfonso, ampliamento impianti a Ovindoli diventi realta’

L’ampliamento degli impianti sciistici ad Ovindoli puo’ diventare realta’. L’obiettivo finale e’ l’unione con Campo Felice per la piu’ grande stazione sciistica “a sud delle alpi” che consenta un collegamento sci ai piedi tra le stazioni di Campo Felice, Rocca di Cambio e Ovindoli Monte Magnola. Questa mattina il presidente della Giunta regionale, Luciano D’Alfonso […]

L’ampliamento degli impianti sciistici ad Ovindoli puo’ diventare realta’. L’obiettivo finale e’ l’unione con Campo Felice per la piu’ grande stazione sciistica “a sud delle alpi” che consenta un collegamento sci ai piedi tra le stazioni di Campo Felice, Rocca di Cambio e Ovindoli Monte Magnola. Questa mattina il presidente della Giunta regionale, Luciano D’Alfonso ha effettuato un sopralluogo nella stazione sciistica di Ovindoli, accompagnato dal consigliere regionale , Pierpaolo Pietrucci, presidente commissione Ambiente, Territorio e Infrastrutture e dai sindaci delle localita’ interessate Pino Angelosante (Ovindoli), Mauro Di Ciccio (Rocca di Mezzo), Gennarino Di Stefano (Rocca di Cambio), Lucilla Lilli (Cappadocia) Gianluca Marrocchi (Sindaco Lucoli).

“La finalita’ degli investimenti – ha commentato D’Alfonso – e’ quella di offrire un bacino sciistico sempre piu’ grande ed articolato. Ci sono economie di risulta da recuperare ma ce ne sono anche altre che possiamo riscattare e che vogliamo utilizzare in questa realta’. L’intervento e’ ormai fotografato tra le priorita’ della Regione. Il sopralluogo di oggi e’ un sopralluogo verita’: esiste un altro gioiello in Abruzzo ed e’ la vostra montagna che ci permette un fidanzamento, sempre piu’ solido, con Roma. Dunque – ha proseguito – dobbiamo attingere da questa miniera relazionale che e’ la capitale alzando un ponte formidabile che ci consenta, partendo dal cuore dell’Appennino Abruzzese e nella spettacolare cornice dell’Altopiano delle Rocche, di avere un rapporto privilegiato con Roma per il rilancio, lo sviluppo e la valorizzazione turistica”. Il progetto in questione immagina la realizzazione di nuovi impianti con sette piste (Costa della tavola piste 1 e 2, Valle delle lenzuola, pista della Genziana 1, 2, 3 e ski-weg Genziana Canalone) per dieci nuovi chilometri sciabili. La prima tranche dei lavori, che potranno partire entro la primavera, prevede la realizzazione di una seggiovia con due nuove piste gia’ entro il 2016 e il potenziamento del sistema di innevamento artificiale. L’intervento economico complessivo e’ di oltre 12 milioni di euro.