Macedonia: arrestati 3 fotoreporter di NurPhoto

La polizia macedone ha arrestato un gruppo di circa 40 giornalisti europei tra cui anche Fabrizio Di Nucci (ITALIA), Kostis Ntantamis (GRECIA) e Markus Heine (GERMANIA) dell’Agenzia NurPhoto ( http://www.nurphoto.com ), al confine per “ingresso illegale” al seguito dei migranti che hanno attraversato senza autorizzazione la frontiera con la Grecia. I reporter dovranno pagare una […]

La polizia macedone ha arrestato un gruppo di circa 40 giornalisti europei tra cui anche Fabrizio Di Nucci (ITALIA), Kostis Ntantamis (GRECIA) e Markus Heine (GERMANIA) dell’Agenzia NurPhoto ( http://www.nurphoto.com ), al confine per “ingresso illegale” al seguito dei migranti che hanno attraversato senza autorizzazione la frontiera con la Grecia.

I reporter dovranno pagare una multa di 260 euro e hanno ricevuto il foglio di via che li obbliga a lasciare il Paese entro 24 ore.

“Stavamo seguendo i rifugiati che attraversavano il confine. Oltrepassato un fiume, abbiamo continuato a camminare e all’improvviso l’esercito macedone ci ha preso e ci ha bloccato, dicendoci che eravamo entrati illegalmente”, racconta Fabrizio Di Nucci.
Secondo il fotoreporter, “la strategia è stata studiata a tavolino, poichè, prenderanno 260€ (euro) per ogni persona fermata. Chi ha già pagato – prosegue Di Nucci – non riesce ad andare via perchè non gli ridanno il passaporto. Siamo quì dalle 16 e fino ad ora nessuno è riuscito a lasciare il commissariato”.

—-

NurPhoto – Punto di riferimento per la fotografia di qualità. NurPhoto propone circa 500 foto al giorno in formato digitale sui principali avvenimenti di cronaca, politica, economia, sport e spettacolo nel mondo. Il compito dell’agenzia fotogiornalistica NurPhoto (http://www.nurphoto.com) è quello di dare luce alle storie, ai luoghi e agli eventi capaci di interessare lo spettatore, di far nascere domande anzichè suggerire risposte; una fotografia che indaghi la condizione umana non inquadrando solo gli aspetti denigranti, drammatici e spettacolarizzati; ma che neanche ricerchi forzatamente il bello.