70° Anniversario voto donne, Silp Cgil: hanno cambiato il clima sociale nel Paese

“Susanna Camusso ha assolutamente ragione quando afferma che le donne hanno cambiato il clima sociale nel Paese. La Polizia di Stato, da questo punto di vista, rappresenta un paradigma straordinario. Con la legge 121 del 1981, infatti, che ha visto la Cgil in prima linea, è stato garantito l’accesso delle donne a tutti i ruoli […]

Susanna Camusso ha assolutamente ragione quando afferma che le donne hanno cambiato il clima sociale nel Paese. La Polizia di Stato, da questo punto di vista, rappresenta un paradigma straordinario. Con la legge 121 del 1981, infatti, che ha visto la Cgil in prima linea, è stato garantito l’accesso delle donne a tutti i ruoli con parità di diritti e progressione di carriera. Solo alcuni anni fa, è bene rammentarlo, le forze armate ci hanno seguito su questa strada. Anche se, in tema di diritti alle donne e non solo, il mondo militare di passi avanti deve ancora farne e molti. Lo afferma Daniele Tissone, segretario generale del sindacato di polizia Silp Cgil, nel settantesimo anniversario del diritto di voto alle donne.

“Oggi il 34 per cento della forza femminile in divisa – dice Tissone – risulta in forza presso le quattro specialità della Polizia di Stato: Stradale, Ferroviaria, Frontiera e Postale, senza contare i Reparti speciali come Volanti, Settore Aereo, Digos e Cinofili. Naturalmente, restano molti problemi da risolvere. A partire dalla questione del pieno godimento del diritto della maternità, spesso compresso in nome di ‘ragioni di servizio’ inaccettabili. Su questo come sindacato siamo fortemente impegnati in una battaglia che non conosce sosta e che si svolge ogni giorno nelle Questure, nei Commissariati e negli Uffici di Polizia”.