Meteo: temperature in aumento, nel weekend nevicate a bassa quota

In 48 ore le temperature saliranno fino a 10 gradi in più sul medio e basso adriatico. A Pescara si passerà da una massima di 5 gradi di ieri a 15 gradi, previsti per domani. Oggi in giornata ci saranno deboli fenomeni sul settore tirrenico: dalla sera deboli nevicate su Alpi e Pianure adiacenti fino […]

In 48 ore le temperature saliranno fino a 10 gradi in più sul medio e basso adriatico. A Pescara si passerà da una massima di 5 gradi di ieri a 15 gradi, previsti per domani. Oggi in giornata ci saranno deboli fenomeni sul settore tirrenico: dalla sera deboli nevicate su Alpi e Pianure adiacenti fino a basse quote. Domani maltempo al nordest in estensione al centrosud con neve a bassa quota a nordest. Dal weekend tornerà l’aria gelida sull’Italia con nevicate in arrivo anche a bassa quota.

“Stiamo assistendo a un cambiamento della circolazione dei venti: è cessato l’afflusso di aria gelida da nord est, e hanno iniziato a soffiare venti decisamente più miti da sud o sud ovest. Questi venti determineranno tra oggi e domani un sensibile rialzo delle temperature proprio sulle regioni maggiormente interessate da neve e gelo nei giorni scorsi (sul versante del medio-basso Adriatico, in sole 48 ore, potremo registrare un aumento anche di 10 gradi)- spiegano i meteorologi di meteo.it- portando però anche aria umida. Domani, inoltre, la penisola sarà attraversata da una perturbazione atlantica a cui farà seguito un nuovo afflusso di aria fredda. Il maltempo interesserà il Nordest dove, nella seconda parte della giornata, la quota neve calerà in modo sensibile, fino a raggiungere le pianure in serata su Venezie ed Emilia Romagna. Progressivamente, questo maltempo colpirà anche le regioni centro-meridionali, con quota neve in progressivo calo: in serata fino a 200-700 metri sull’Appennino centrale e sui monti della Sardegna, oltre i 1000-1200 metri sull’Appennino meridionale. La nuova ondata di freddo probabilmente caratterizzerà anche l’inizio della prossima settimana, ma rispetto all’ultimo episodio verrà avvertita maggiormente sulle regioni settentrionali”.

Per la giornata di domani, sul settore di nordovest sono previste parziali schiarite con venti di Foehn in discesa dalla Alpi. Sulle regioni nord orientali molte nubi e precipitazioni sparse, sottoforma di deboli nevicate sulle Alpi e con il rischio al mattino di episodi di pioggia ghiacciata in Emilia. Nella seconda parte della giornata quota neve in calo, specie verso sera, quando nevicate anche moderate o sotto forma di rovesci potranno interessare fino alle coste le Venezie e l?Emilia Romagna. Al Centro nubi e piogge su tutte le regioni, ma più intense e insistenti su Umbria, Lazio, dorsale appenninica centrale. Dal pomeriggio neve in Appennino con quote in progressivo calo, in serata fino ai 200-700 metri.

In Sardegna piogge diffuse al mattino, in seguito tempo più variabile con possibili rovesci in serata e neve sui monti fino ai 600 metri. Al Sud piogge principalmente su Campania e nord ovest Calabria, in estensione tra sera e notte anche alle altre regioni, con neve sull?Appennino meridionale oltre 1000-1200 metri, in ulteriore calo nella notte.

Temperature minime in rialzo, con aumento anche di 6-9 gradi al Nordest e al Centrosud; massime in ulteriore aumento su gran parte del Centrosud, ma con un raffreddamento diffuso già a fine giornata. Venti da moderati a forti, specie su isole e Centrosud.

Sabato le correnti fredde risulteranno temporaneamente più asciutte, con tendenza a un tempo abbastanza soleggiato in gran parte del Centronord: qui, qualche fiocco di neve potrà cadere soltanto sulle Alpi di confine della Valle d?Aosta e dell?Alto Adige. Un po’ più di nuvole, anche se variabili, al Sud e nelle Isole, con locali fenomeni su ovest Sardegna, basso Tirreno e Puglia. Limite della neve fino ai 400 metri sul Gargano, 600-800 metri sui monti del Potentino, della Calabria e della Sardegna. Alla fine del giorno nuvole in generale aumento; possibili rovesci su Sardegna, Sicilia occidentale e medio Tirreno, con neve fino ai 400 metri nell?entroterra tra la bassa Toscana e il Lazio.

Nella notte possibili, deboli nevicate fino a quote molto basse tra Emilia orientale, Romagna e nord Marche. Si tratta dell?inizio di un nuovo peggioramento che, nel corso della giornata di domenica, coinvolgerà gran parte del Centrosud, con rischio di rovesci nel settore tirrenico e neve a quote collinari nelle zone interne. Temperature in sensibile calo nel fine settimana: diminuzione, questa, accompagnata anche da venti moderati o forti. Al Centrosud il tempo rimarrà perturbato anche a inizio settimana. La nuova ondata di freddo probabilmente caratterizzerà anche l?inizio della prossima settimana, ma rispetto all?ultimo episodio verrà avvertita maggiormente sulle regioni settentrionali.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.