Migranti, Salvini: Pacchia finita? No, strafinita

 “I clandestini devono tener presente che qui la pacchia e’ strafinita, non finita. Hanno mangiato sulle spalle del prossimo abbondantemente. Se un premier sostiene una politica di buonsenso, fermezza e intelligenza, allora e’ il mio presidente del Consiglio. Avere in questo momento 170mila presunti profughi che in questo momento guardano la tv in albergo, e’ […]

 “I clandestini devono tener presente che qui la pacchia e’ strafinita, non finita. Hanno mangiato sulle spalle del prossimo abbondantemente. Se un premier sostiene una politica di buonsenso, fermezza e intelligenza, allora e’ il mio presidente del Consiglio. Avere in questo momento 170mila presunti profughi che in questo momento guardano la tv in albergo, e’ una pacchia che non ci possiamo permettere”. Cosi’ il ministro dell’Interno, Matteo Salvini, parlando al Senato coi cronisti.

“Saremo rispettosi di tutti, con la voglia di tornare ad essere il Paese leader nel Mediterraneo, ma senza subire in silenzio un’immigrazione fuori controllo e pericolosa. Sono ministro solo da quattro giorni, ma ho gia’ incontrato decine di persone di grandissimo valore, sicuramente avro’ modo di incontrare anche l’ex ministro Minniti. Al ministero siamo al lavoro su diversi fronti, gia’ nelle prossime settimane ci saranno le prime importanti e concrete novita’ per aumentare la sicurezza degli italiani”.E’ quanto affermato da SalviniIl leader della Lega spiega che “la Tunisia nel 2018 e’ il primo Paese per immigrati sbarcati, 2.889, davanti a Eritrea e Sudan. È evidente che occorre lavorare per ottenere accordi piu’ efficaci per entrambi, salvando vite e tutelando la sicurezza degli italiani”.