Ilaria Cucchi a Salvini: prima gli italiani, poi Cucchi, Aldrovandi…

 “Caro Stefano. Facciamo schifo al ministro dell’Interno. Ora chi ci offendeva in modo becero e greve e’ diventato deputato ma e’ rimasto segretario del sindacato di Polizia Sap”. Lo scrive su facebook Ilaria Cucchi, sorella di Stefano. “Si nascondono dietro immunita’ e ruoli- aggiunge- ma sai cosa penso? Penso che dobbiamo portare rispetto per le […]

 “Caro Stefano. Facciamo schifo al ministro dell’Interno. Ora chi ci offendeva in modo becero e greve e’ diventato deputato ma e’ rimasto segretario del sindacato di Polizia Sap”. Lo scrive su facebook Ilaria Cucchi, sorella di Stefano.
“Si nascondono dietro immunita’ e ruoli- aggiunge- ma sai cosa penso? Penso che dobbiamo portare rispetto per le Istituzioni che rappresentano. Li affronteremo a viso aperto Stefano. Parleremo con loro. Ora rappresentano lo Stato perche’ cosi’ si e’ voluto. Li inviteremo ad un pubblico dibattito che sicuramente non accetteranno mai”.
“Perche’ sono troppo importanti e non si abbasseranno a questo- dice ancora- e perche’ e’ piu’ comodo offendere ed infangare gli ultimi che non si possono difendere dal palco delle conferenze stampa o dei social ma sempre evitando di confrontarsi con loro. Prima gli italiani e poi i Cucchi gli Aldrovandi ecc.
ecc.”.
“Prima gli italiani che la pensano come loro e poi gli altri- continua Ilaria Cucchi- Siamo tutti danni collaterali ed i diritti umani sono sono solo uno scomodo optional. I diritti umani sono il problema. Non la corruzione. Non la criminalita’ organizzata. Che dici Ste’ andiamo a fare un salto al Ministero per parlare con loro? Ti porto con la mia maglietta perche’ tu non ci sei piu’ ed e’ solo colpa tua. Ma perche’ ti sei fatto pestare fino alla morte? Mah…”.