Genova: evacuate 50 persone

Sono una cinquantina al momento le persone evacuate dalle proprie case in seguito al crollo del ponte Morandi sulla A10, questa mattina a Genova, a cui il Comune garantira’ assistenza. A dirlo e’ il sindaco, Marco Bucci, questo pomeriggio durante la conferenza stampa insieme al governatore ligure Giovanni Toti. “I servizi sociali hanno messo in […]

Sono una cinquantina al momento le persone evacuate dalle proprie case in seguito al crollo del ponte Morandi sulla A10, questa mattina a Genova, a cui il Comune garantira’ assistenza. A dirlo e’ il sindaco, Marco Bucci, questo pomeriggio durante la conferenza stampa insieme al governatore ligure Giovanni Toti. “I servizi sociali hanno messo in piedi le strutture per le persone che sono state evacuate- spiega Bucci- non abbiamo ancora il numero preciso, ma dovrebbero essere circa una cinquantina. A queste daremo vitto e alloggio, ci sono anche i nostri servizi sociali pronti per aiutare chi ha bisogno. Abbiamo fatto anche una speciale ricerca per le persone disabili, per fornire loro tutta l’assistenza che diamo regolarmente”. Il centro operativo comunale restera’ aperto per le prossime 72 ore. “Il nostro sistema di emergenza ha funzionato bene”, rivendica il sindaco. Subito dopo il crollo, sottolinea Bucci, “abbiamo circondato tutta l’area e abbiamo chiuso tutte le utenze, perche’ ci e’ stato segnalato odore di gas. Abbiamo attivato tutte le partecipate per avere i mezzi e le persone per poter fare le indagini sulle macerie. Ho ricevuto dai sindaci di Torino, Milano, Livorno e Savona la disponibilita’ a utilizzare le loro risorse di protezione civile. Al momento non ce n’e’ bisogno, ma sono comunque tutti allertati. Abbiamo anche ricevuto da tante aziende genovesi importanti del porto e che lavorano con mezzi pesanti, la disponibilita’ di venire ad aiutare. Saranno tutti coordinati dai Vigili del Fuoco e per questo motivo abbiamo riservato due aree di ampi parcheggi, che sono li’ vicino, per i centri operativi. Abbiamo anche riservato alcune uscite dell’autostrada e alcune vie nel caso di movimenti dei soccorritori”, spiega il sindaco.