Maltempo: temporali in arrivo

Una saccatura di origine atlantica in arrivo dalla Francia determinera’, nel corso delle prossime ore, un peggioramento delle condizioni meteorologiche su gran parte delle regioni settentrionali e sulle centrali tirreniche, con precipitazioni a carattere temporalesco, localmente di forte intensita’. Sulla base delle previsioni disponibili, il Dipartimento della Protezione Civile d’intesa con le regioni coinvolte – […]

Una saccatura di origine atlantica in arrivo dalla Francia determinera’, nel corso delle prossime ore, un peggioramento delle condizioni meteorologiche su gran parte delle regioni settentrionali e sulle centrali tirreniche, con precipitazioni a carattere temporalesco, localmente di forte intensita’. Sulla base delle previsioni disponibili, il Dipartimento della Protezione Civile d’intesa con le regioni coinvolte – alle quali spetta l’attivazione dei sistemi di protezione civile nei territori interessati – ha emesso un ulteriore avviso di condizioni meteorologiche avverse che integra ed estende il precedente. I fenomeni meteo, impattando sulle diverse aree del Paese, potrebbero determinare delle criticita’ idrogeologiche e idrauliche che sono riportate, in una sintesi nazionale, nel bollettino nazionale di criticita’ e di allerta consultabile sul sito del Dipartimento (www.protezionecivile.gov.it). L’avviso prevede dal pomeriggio di oggi, giovedi’ 6 settembre, precipitazioni, a carattere di rovescio o temporale, su Piemonte, Lombardia, Veneto, Toscana e Lazio. I fenomeni saranno accompagnati da rovesci di forte intensita’, frequente attivita’ elettrica, locali grandinate e forti raffiche di vento. Sulla base dei fenomeni previsti e’ stata valutata per oggi, 6 settembre, allerta arancione sui settori costieri centro-meridionali della Toscana e allerta gialla su buona parte di Piemonte e Lombardia, sul Veneto, sui settori occidentali di Toscana e Umbria e sul Lazio. Per la giornata di domani resta l’allerta arancione sui medesimi settori della Toscana, mentre l’allerta gialla e’ estesa a tutta l’Umbria, ai settori appenninici dell’Abruzzo, al Molise, a gran parte della Puglia e ai settori tirrenici meridionali della Calabria.