Scuola. Piano rientro in classe a settembre, ecco i tre scenari

Tre gli scenari possibili per il rientro in classe a settembre ipotizzati nel Piano per la scuola a cui si sta lavorando in queste ore. La premessa alle ipotesi elaborate, a quanto apprende la Dire, e’ che comunque le attivita’ scolastiche riprenderanno su tutto il territorio nazionale in presenza, senza disperdere l’esperienza maturata in questi […]

Tre gli scenari possibili per il rientro in classe a settembre ipotizzati nel Piano per la scuola a cui si sta lavorando in queste ore. La premessa alle ipotesi elaborate, a quanto apprende la Dire, e’ che comunque le attivita’ scolastiche riprenderanno su tutto il territorio nazionale in presenza, senza disperdere l’esperienza maturata in questi mesi di sospensione e – facendo leva sull’autonomia scolastica e sulle peculiarita’ di ciascuna istituzione – coordinando le ‘singole’ misure per la ripresa all’interno di tavoli regionali con gli uffici scolastici, sempre facendo riferimento alle indicazioni del Comitato tecnico scientifico emanate a fine maggio. Tre dunque gli scenari ipotizzati: il primo e’ quello senza covid; il secondo prevede una situazione come quella attuale, con contagi quindi sotto controllo; il terzo invece prende in esame una nuova ondata del virus e un ritorno al ‘lockdown’. In caso di assenza del Covid-19 si tornera’ a scuola in situazione ‘normali’, ma sempre rispettando le indicazioni del Comitato tecnico scientifico e quindi prevedendo attivita’ di formazione e informazione per personale e alunni (igiene delle mani, pulizia approfondita degli ambienti, organizzazione degli spazi esterni e interni per evitare assembramenti all’entrata e all’uscita). In caso di scenario come quello attuale, le attivita’ riprenderanno ma sara’ necessario che ogni istituzione scolastica, d’intesa con gli enti locali, eviti assembramenti all’interno e all’esterno e garantisca il rispetto delle indicazioni del Cts. Tra le possibili indicazioni contenute nelle linee guida: preferire il mantenimento del gruppo classe cosi’ come costituito; in base alle necessita’ riscontrate caso per caso sara’ possibile prevedere la concessione di ulteriori spazi e altro personale in aggiunta; la possibilita’ di turni differenziati e di alternare didattica in presenza e didattica a distanza; la possibilita’ di fare lezioni il sabato anche negli istituti dove il tempo scuola e’ organizzato in 5 giorni. Il terzo scenario e’ quello di una nuova diffusione del contagio e di un conseguente nuovo lockdown. Questa ipotesi prevede ovviamente la sospensione delle attivita’ in presenza e le attivita’ affidate totalmente alla didattica a distanza.