Sociale: da 8 per mille Tavola valdese 43 mln per 1200 progetti

La Tavola valdese, massimo organo esecutivo delle Chiese metodiste e valdesi, nonostante l’impossibilita’ di convocare il sinodo quest’anno per l’emergenza sanitaria, ha pubblicato oggi l’elenco dei progetti finanziati con i fondi Otto per mille 2020: ammontano a 42,8 milioni le risorse assegnate quest’anno all’Unione delle Chiese metodiste e valdesi. Come viene riferito in una nota […]

La Tavola valdese, massimo organo esecutivo delle Chiese metodiste e valdesi, nonostante l’impossibilita’ di convocare il sinodo quest’anno per l’emergenza sanitaria, ha pubblicato oggi l’elenco dei progetti finanziati con i fondi Otto per mille 2020: ammontano a 42,8 milioni le risorse assegnate quest’anno all’Unione delle Chiese metodiste e valdesi. Come viene riferito in una nota si riferiscono alla dichiarazione dei redditi 2017 (e quindi ai redditi 2016) e corrispondono a 547.519 firme (il 3,2 per cento del totale delle scelte espresse dai contribuenti). I fondi, si legge ancora nel comunicato, saranno utilizzati per finanziare 452 progetti all’estero e 791 progetti in Italia in ambito educativo, umanitario, socio-sanitario e culturale, per un totale di 1.243 progetti. Come ogni anno l’ufficio Otto per mille dell’Unione delle Chiese metodiste e valdesi ha ricevuto molte domande: sono pervenute infatti ben 4.671 richieste (di cui pero’ solo 3.000 hanno superato la fase preliminare formale), con una crescita di +500 rispetto all’anno precedente e +1000 rispetto a due anni prima.

Guardando all’Italia, il maggior numero dei progetti sostenuti ricade nella categoria ‘Miglioramento delle condizioni di vita di soggetti affetti da disabilita’ fisica e mentale’, che ammontano a un 23,2 per cento del totale dei progetti finanziati. Fra questi, molti riguardano il tema del ‘dopo di noi’, oggi particolarmente sentito; segue la categoria della ‘Promozione del benessere e della crescita di bambini/e e ragazzi/e’, con un 15,6 per cento del totale; poi le ‘Attivita’ culturali’, al 14,9 per cento; gli ‘Interventi sanitari e di tutela della salute’, con il 10 per cento; e ‘Accoglienza e inclusione rifugiati e migranti’, con il 8,9 per cento del totale. Sebbene con numeri ancora bassi, si segnala il raddoppio del numero dei progetti di tema ambientale che passano da 1,4 per cento a 3,4 per cento. Per quanto riguarda l’estero, la maggior parte dei progetti approvati si concentra in Africa e Medio Oriente. Come annunciato durante l’anno, inoltre, la Tavola Valdese ha istituito un ‘fondo Emergenza Covid-19′ di 8 milioni di euro, che trova la sua copertura su tre anni (2,7 milioni nel 2019 e 2020 e 2,6 milioni nel 2021). “Il terzo settore guarda sempre di piu’ a noi per un sostegno del proprio lavoro e noi ne siamo ben consapevoli- ha dichiarato Alessandra Trotta, moderatora della Tavola Valdese-. Per questo, abbiamo lavorato cercando di non focalizzare la nostra attenzione sulla sola emergenza sanitaria, nella convinzione che mantenere – anche in un anno cosi’ particolare – lo stesso livello di attenzione che ci ha sempre contraddistinto sulla cultura, sull’educazione, su progetti sociali in senso ampio sia in se’ un modo per contribuire agli sforzi del paese per uscire dalla fase di emergenza e promuovere uno sviluppo nella direzione di una maggiore giustizia sociale, della tutela dei diritti dei piu’ vulnerabili, della sostenibilita’ ambientale e persino di una piu’ allargata partecipazione democratica, di cui la stessa emergenza ha fatto avvertire l’urgenza”, ha concluso Trotta.