Coronavirus. Locatelli: “Fuori controllo con 600 mila infetti, ma lontani”

“C’e’ una linea di pensiero che si sta sviluppando in ambito europeo che dice il sistema” di gestione della pandemia “rischia di andare fuori controllo nel momento in cui c’e’ circa l’1% della popolazione infetta. In Italia questo vuol dire 600 mila persone” ma “questo e’ concetto appena emerso, non siamo a questi numeri”. Lo […]

“C’e’ una linea di pensiero che si sta sviluppando in ambito europeo che dice il sistema” di gestione della pandemia “rischia di andare fuori controllo nel momento in cui c’e’ circa l’1% della popolazione infetta. In Italia questo vuol dire 600 mila persone” ma “questo e’ concetto appena emerso, non siamo a questi numeri”. Lo dice Franco Locatelli, presidente del Consiglio superiore di sanita’ (Css) e componente del Comitato tecnico-scientifico (Cts) intervendo a ‘Mezz’ora in piu” su Raitre. Locatelli precisa poi che “i modelli matematici sono certamente utili, ma bisogna anche tenere in considerazione il dato che va a interferire”. E spiega: “Ci sono dei contesti che in qualche misura vengono a essere influenzati anche dall’esperienza dei mesi di febbraio-marzo. In Lombardia le due province piu’ colpite adesso lo sono di meno e la ragione, parlo di Bergamo, puo’ essere magari legata ad un’attenzione piu’ spiccata rispetto alle misure di protezione ma anche perche’ c’e’ una sorta di protezione di comunita’”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.