Coronavirus. Pechino autorizza l’ingresso agli esperti dell’Oms

Le autorita’ di Pechino hanno autorizzato l’ingresso di una missione di esperti dell’Organizzazione mondiale della sanita’ (Oms) a partire da giovedi’ 14 gennaio. Il loro compito sara’ quello di indagare le cause che hanno scatenato la pandemia di Covid-19, i cui primi casi sarebbero stati rilevati nella citta’ di Wuhan a fine 2019. Non e’ […]

Le autorita’ di Pechino hanno autorizzato l’ingresso di una missione di esperti dell’Organizzazione mondiale della sanita’ (Oms) a partire da giovedi’ 14 gennaio. Il loro compito sara’ quello di indagare le cause che hanno scatenato la pandemia di Covid-19, i cui primi casi sarebbero stati rilevati nella citta’ di Wuhan a fine 2019. Non e’ ancora stato tuttavia reso noto l’itinerario che gli scienziati delle Nazioni Unite compiranno nel Paese. Da tempo l’Oms chiedeva di poter inviare un team di scienziati ma Pechino ha sempre negato l’autorizzazione, una situazione che oggi la Cina motiva con una “malinteso”. In questi mesi le autorita’ sanitarie cinesi hanno compiuto gia’ sopralluoghi e studi, ma da piu’ parti era stata sollecitata una indagine indipendente e trasparente. Il presidente uscente Donald Trump, alla luce di questi rifiuti, ipotizzo’ un tentativo di insabbiamento da parte della Cina sulle proprie responsabilita’ nella pandemia di Covid-19 e accuso’ di complicita’ anche l’Oms, annunciando l’uscita degli Stati Uniti dall’organizzazione, con il relativo taglio ai fondi destinati all’agenzia Onu.