Vaccino. Abruzzo, Marsilio: “Entro settembre completeremo campagna”

“La campagna di vaccinazione in Abruzzo si concludera’ non piu’ tardi di settembre. Se ci venissero improvvisamente date piu’ dosi saremmo in grado di anticipare ampiamente questa data. Somministriamo quelli che ci arrivano. Il piano nazionale di e’ trimestrale, ma non ti dice se le dosi arrivano all’inizio o alla fine del trimestre. Purtroppo scopriamo […]

“La campagna di vaccinazione in Abruzzo si concludera’ non piu’ tardi di settembre. Se ci venissero improvvisamente date piu’ dosi saremmo in grado di anticipare ampiamente questa data. Somministriamo quelli che ci arrivano. Il piano nazionale di e’ trimestrale, ma non ti dice se le dosi arrivano all’inizio o alla fine del trimestre. Purtroppo scopriamo che la fornitura arriva sempre piu’ vicino alla fine del periodo, il che non ci mette in condizioni di sapere se domani possiamo fare cento, duecento, cinquecento o mille vaccini. Oggi presentiamo il piano vaccini per la seconda Fase e lo facciamo quando siamo tra le prime regioni in Italia per capacita’ di vaccinazione rispetto alle dosi ottenute. Credo che i numeri parlino da soli e spengano ogni tipo di polemica”. Lo ha detto il presidente della Regione, Marco Marsilio, in apertura della conferenza stampa tenutasi a Palazzo Silone a L’Aquila, nel corso della quale insieme all’assessore regionale alla Sanita’, Nicoletta Veri’, al direttore dell’Asr (Agenzia Sanitaria Regionale) Pierluigi Cosenza, e a Maurizio Brucchi, referente regionale della campagna vaccini, ha presentato il piano aggiornato e definito solo ora, ha aggiunto, “perche’ le ultime indicazioni del Governo sono arrivate una settimana fa”. Ad oggi la percentuale di vaccinazione nella Regione Abruzzo, ha quindi spiegato, e’ dell’86,5% contro la media nazionale dell’81,9% con un totale di somministrazioni fatte pari a 175.170.
“Fino ad ora- ha detto ancora Marsilio- siamo stati costretti dalla logica dei fatti a chiamare dall’oggi al domani una certa categoria di eta’ a presentarsi con poco preavviso. Ma in questo quadro- ha proseguito sottolineando che sul fronte approvvigionamento miglioramenti non ce ne sono stati- la nostra struttura, le nostre Asl, il nostro dipartimento e il nostro assessore meritano un applauso. La Regione sta dimostrando di essere all’altezza del compito. Ci sono Regioni con organizzazioni molto piu’ ricche rispetto a noi. Una volta tanto lasciateci dire con un po’ di orgoglio che il piccolo e cianciato Abruzzo sa dire al sua e rispondere al bisogno di salute dei sui cittadini e lo sta facendo a testa alta se non con ottimi, certamente con risultati molto buoni. Lavoriamo per migliorarli.
Questa battaglia non si vince con i chiacchiericci, i complottisti e i retropensieri, ma se tutto in maniera seria e organizzata seguiamo le regole e ci fidiamo dell’autorita’ facendo squadra”, ha quindi aggiunto sottolineando il lavoro fatto da Ema e Aifa per l’Astrazeneca e facendo sapere che il suo utilizzo in Abruzzo raggiunge ottime percentuali. “Noi- ha concluso Marsilio- non somministriamo nessun vaccino che non sia garantito e certificato”.