A Bologna il corteo delle vedove della crisi

Nei giorni scorsi ha rivolto un invito alle imprese perché diano lavoro a Tiziana Marrone, vedova di Giuseppe Campaniello, l’artigiano di Ozzano che si è dato fuoco a causa dei debiti con il Fisco. Oggi Amelia Frascaroli, assessore al Welfare del Comune di Bologna, pensa a forme di sostegno per gli imprenditori in difficoltà. Non […]

Nei giorni scorsi ha rivolto un invito alle imprese perché diano lavoro a Tiziana Marrone, vedova di Giuseppe Campaniello, l’artigiano di Ozzano che si è dato fuoco a causa dei debiti con il Fisco. Oggi Amelia Frascaroli, assessore al Welfare del Comune di Bologna, pensa a forme di sostegno per gli imprenditori in difficoltà. Non solo di tipo economico, ma anche psicologico, di ascolto e consulenza. Per far vedere che non sono soli. “Siamo stati abituati a considerare gli imprenditori una categoria forte – dice – e scoprirla fragile e debole fa impressione”. Domani, Frascaroli sfilerà in corteo insieme alle vedove della crisi per la marcia delle “bandiere bianche” organizzata proprio da Tiziana Marrone. Il corteo partirà alle 10 dall’ospedale Maggiore e si concluderà in via Nanni Costa, sede dell’Agenzia delle Entrate, dove Giuseppe Campaniello si è dato fuoco lo scorso 28 marzo.

Dal 2008 sono centinaia i piccoli imprenditori che si sono tolti la vita perché in difficoltà a causa della crisi, 32 solo dall’inizio del 2012 (dati Cgia). “Sembra che il problema sia esploso negli ultimi mesi – dice Frascaroli – ma in realtà i numeri sono pressoché costanti dal 2008, anno in cui la crisi è iniziata”. L’assessore si dice però contenta che finalmente se ne parli. “Sono contenta anche che le vedove, nonostante per molte di loro il dolore sia recente, abbiamo trovato il coraggio di parlare: è importante che questo problema diventi un tema comune”. Ed è probabile che il tema sarà portato da Frascaroli in giunta, nella riunione di domani pomeriggio.

Nei giorni scorsi, l’idea di un sostegno agli imprenditori, oltre che alle vedove, è arrivata da più parti. L’economista Stefano Zamagni ha proposto la costituzione di un fondo per aiutare chi è in difficoltà economiche, una specie di seconda occasione. Vito Totire dell’associazione esposti amianto – che domani parteciperà alla marcia – ha ipotizzato l’apertura di uno sportello di ascolto dentro l’Ausl per prevenire situazioni di questo tipo. I servizi già esistenti, come il centro di ascolto di Confartigianato ha, infatti, registrato un aumento considerevole di accessi. “Rivolgendo un invito alle imprese per aiutare Tiziana Marrone a trovare lavoro ho solo fatto una riflessione a voce alta, raccogliendo le proposte che ho sentito in questi giorni – spiega Frascaroli – Credo che dare ascolto e consulenza agli imprenditori in difficoltà sia una risposta interessante”.

Numerose adesioni. L’iniziativa di domani ha ottenuto numerosi consensi. Il merito va anche al comitato in memoria di Giuseppe Campaniello costituito da Elisabetta Bianchi, un’amica di Tiziana Marrone, che si è spesa per organizzare il corteo. Insieme alle vedove degli imprenditori, sfileranno il sindaco di Ozzano, Loretta Masotti, Amelia Frascaroli, la presidente del Consiglio comunale di Bologna, Simona Lembi, e poi tanti imprenditori, le associazioni di categoria e le donne dell’Udi (Unione donne italiane) che hanno sostenuto fin dall’inizio Tiziana Marrone ed Elisabetta Bianchi. Dopo il corteo, Tiziana Marrone leggerà il lungo elenco delle donne che negli ultimi mesi hanno perso il marito a causa della crisi.