Euro 2012: Italia obbligata a vincere contro l’Irlanda. Prandelli, siamo convinti di passare il turno

L’Italia è obbligata a vincere contro l’Irlanda di Trapattoni, ma in caso di pareggio pari o superiore al 2-2, gli azzurri sarebbero fuori per differenza reti. Cesare Prandelli sa di aver gettato al vento un’occasione preziosa, “non sono arrabbiato – ha detto il tecnico – ma ovviamente sono amareggiato, perché quando si creano tante occasioni […]

L’Italia è obbligata a vincere contro l’Irlanda di Trapattoni, ma in caso di pareggio pari o superiore al 2-2, gli azzurri sarebbero fuori per differenza reti. Cesare Prandelli sa di aver gettato al vento un’occasione preziosa, “non sono arrabbiato – ha detto il tecnico – ma ovviamente sono amareggiato, perché quando si creano tante occasioni si deve chiudere la partita. Il calcio è particolare, perché se concedi mezza occasione cambia tutto quello che hai costruito. C’è rammarico, ma siamo vivi. Siamo convinti di poter passare il turno. Non c’è nulla di matematico, abbiamo perso solo un’occasione”.

Il ct ha spiegato poi perché ha tolto Cassano a dieci minuti dalla fine, “Antonio aveva trovato una posizione in cui poteva creare problemi e lo volevo vedere insieme a Di Natale, che mi dava  profondità. Balotelli nel primo tempo ha fatto molto bene, poi nella ripresa non dava  magari quella profondità che mi serviva. Ma alla fine la prova è stata positiva. Credo che oggi a livello di gioco abbiamo  giocato nettamente meglio noi. E’ difficile commentare un uno a uno”.

Gli Azzurri sono già proiettati alla sfida contro l’Irlanda, match decisivo per la qualificazione. Alla domanda di un probabile biscotto da parte di Spagna e Croazia, il portiere della Nazionale, Buffon commenta, “in questo caso si affrontano due squadre di valore diverso e nella Spagna ci sono giocatori con un excursus che non permette di essere etichettati come antisportivi e di far ridere il mondo con un 2-2. Ho la certezza che vincendo l’ultima partita passeremmo il turno”.

Chiellini ha spiegato il perché non sia riuscito a intercettare il cross su cui ha segnato Mandzukic, “ero troppo stretto e la palla è arrivata lunga. Dovevo stargli più vicino, anche perché sapevamo che erano molto bravi in queste situazioni di gol”. Anche Thiago Motta è deluso per il risultato: “Abbiamo sprecato una grandissima occasione, nel primo tempo abbiamo creato tanto e non abbiamo chiuso la partita. Ora dobbiamo pensare all’Irlanda e non sarà facile”.