Apre al pubblico la “piccola Stonehenge d’Abruzzo”

Nel cuore dell’antico territorio dei Vestini, a poca distanza dall’abitato di Fossa (L’Aquila), in una natura ancora incontaminata, ha aperto oggi al pubblico, a 20 anni dalla sua scoperta, una delle più monumentali necropoli dell’età del Ferro presente nell’Italia centro-meridionale: la Necropoli di Fossa. Tornata alla luce casualmente nel 1992 in occasione dei lavori di […]

Nel cuore dell’antico territorio dei Vestini, a poca distanza dall’abitato di Fossa (L’Aquila), in una natura ancora incontaminata, ha aperto oggi al pubblico, a 20 anni dalla sua scoperta, una delle più monumentali necropoli dell’età del Ferro presente nell’Italia centro-meridionale: la Necropoli di Fossa.

Tornata alla luce casualmente nel 1992 in occasione dei lavori di costruzione di una struttura industriale. Da allora sono state scavate più di 600 tombe e molte altre aspettano di essere riportate alla luce.
Il sito è unico nel panorama delle tombe monumentali a tumulo caratterizzate dagli ormai famosi “menhir” che le hanno dato l’appellativo di “piccola Stonehenge”. Le stele sono state ritrovate in piedi, come è possibile osservarle ancora adesso, quasi a voler stigmatizzare area e ambiente consacrati al mondo dei morti.
Il poderoso reinterro causato dalle periodiche esondazioni del vicino fiume Aterno, ha conservato per secoli e restituito intatti, splendidi letti funerari sapientemente decorati in osso intagliato raffiguranti divinità. Fino al 31 ottobre 2012, sarà possibile visitare il sito tutti i sabati e le domeniche dalle 10:00 alle 13:00 e dalle 15:00 alle 18:00.

“L’apertura in tutti i fine settimana è stato reso possibile grazie all’accordo sottoscritto con la Soprintendeza e con la Direzione Regionale Beni Culturali”. E’ quanto ha affermato  l’assessore alla cultura di Fossa Vincenzo Calvisi.

“L’obiettivo dell’Amministrazione è  favorire la promozione della necropoli nei circuiti turistici nazionali e presentare a breve un progetto di valorizzazione grazie ai fondi provenienti dalle risorse Pit della Provincia. La rinascita dei nostri luoghi – ha concluso Calvisi  – deve poggiare anzitutto sulle identità culturali del territorio, soprattutto in questa delicatissima  fase della  ricostruzione”.
Per maggiori info sulla Necropoli  0862 751120

Salvatore Romano

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.